Attualità
IL PARADOSSO

Tutti i No vax diventati testimonial della campagna vaccinale (loro malgrado)

Tante storie diverse, che in questi mesi si sono conquistate la ribalta mediatica.

Tutti i No vax diventati testimonial della campagna vaccinale (loro malgrado)
Attualità 01 Gennaio 2022 ore 11:44

Tra gli ultimi c'è stato Mauro da Mantova, morto di Covid a Verona, di cui s'è molto parlato poiché era diventato a suo modo un personaggio radiofonico grazie ai suoi interventi alla Zanzara. Ma sono tantissimi i No vax diventati, in queste settimane, testimonial della campagna vaccinale. Naturalmente loro malgrado, nel senso che hanno trasformato involontariamente il loro poco virtuoso esempio in uno spot a favore della campagna vaccinale.

No vax testimonial involontari della campagna vaccinale

L'ultima in ordine di tempo arriva dal Veneto ed è la storia di un papà che ha rinunciato ai suoi tre figli, pur di non farsi intubare. Due ore dopo il ricovero, non è più riuscito a respirare ed è morto: nemmeno l'ultima telefonata in lacrime del figlio maggiore che gli chiedeva di affidarsi alle cure dei medici, è riuscita a convincerlo.

LEGGI: No vax si ammala di Covid ma rifiuta di essere intubato: 48enne muore poco dopo, lascia 3 figli

E che dire delle sette mamme No vax che sono state costrette a sottoporsi a un parto cesareo d'urgenza per salvare i figli che tenevano in grembo. E' successo sempre in Veneto (dove una settimana prima era capitata la stessa cosa ad altre quattro donne incinte), questa volta però per fortuna c'è stato almeno un lieto fine.

LEGGI: Sette mamme No vax incinte: hanno dovuto partorire d'urgenza per salvare i figli

E poi in ordine di tempo, il caso di Mauro da Mantova. Nemmeno Giuseppe Cruciani è riuscito a fargli cambiare idea: quando è arrivato in ospedale la sua situazione era ormai compromessa.

LEGGI: Mauro da Mantova è morto: quel Covid che ha sempre negato alla fine lo ha ucciso

Ma nello stesso giorno, sempre dal Veneto, la notizia di due incolpevoli coniugi questa volta affatto contrari al vaccino: il loro dramma è stato unicamente quello di non essere riusciti ad arrivare alla agognata terza dose, purtroppo il Covid è arrivato prima con la sua implacabile letalità.

LEGGI: Marito e moglie muoiono di Covid a Natale: aspettavano la terza dose

Poco dopo Natale, mentre agli onori delle cronache balzava la notizia che in Germania il lockdown per vaccinati stava funzionando, con un sensibile calo dei contagi, ecco la dura presa di posizione dell'ex campione di pugilato Maurizio Stecca, guarito dal Covid, contro i No vax che occupavano posti preziosi nel suo stesso reparto.

LEGGI: Il puglie Stecca ha battuto il Covid: "I quattro No vax in camera con me stavano occupando il posto di qualcun altro"

Tra i No vax finito sotto i riflettori, anche un ex senatore 5 Stelle, anche lui alla fine vinto in ospedale dalla malattia che aveva fino ad allora sempre cercato di negare.

LEGGI: "Il Covid? Ridicola isteria": ex senatore No vax del M5S morto in ospedale

Ma nello stesso giorno a conquistare la ribalta era stata anche la surreale uscita di un prete No vax.

LEGGI: "Fanno i vaccini coi feti": prete fermato prima della messa per i No Vax

Ci sono poi No vax e No vax: particolarmente azzeccata la campagna solidale della Coop, che ha girato un efficace spot per dire che nei Paesi meno fortunati, essere No vax non è una scelta (semplicemente perché lì mancano i vaccini).

LEGGI: Essere No vax? Per qualcuno non è una scelta

La vicenda della truffaldina infermiera di Palermo che faceva finta e iniettava il siero in un batuffolo di cotone è diventata una delle più emblematiche, con una inevitabile domanda di fondo: come si fa a pagare 450 euro per non farsi somministrare un vaccino gratis che può salvarti la vita?

LEGGI: L'infermiera di Palermo: come si può pagare 450 euro per NON farsi iniettare un vaccino gratis?

Virale poi un videoservizio girato nell'ospedale di Bergamo, con il primario Lorini tra malati No vax che sarebbero volentieri tornati indietro, rispetto alle loro scelte ("La malattia è 100 volte peggio della paura che avevo del vaccino").

LEGGI: Videoracconto dalla terapia intensiva di Bergamo: se lo guardi, difficile rimanere No vax

E se il Capo dello Stato Sergio Mattarella in un discorso ufficiale ha detto che probabilmente è stata data troppa importanza mediatica ai No Vax, nello stesso giorno proprio un anti vaccinista Vip, Paolo Brosio, diventava protagonista di un'uscita paradossale.

LEGGI: Paolo Brosio: "Evito i vaccinati, più sicuro un No vax con tampone negativo"

Poco prima di Natale, un'intera famiglia toscana, tutti testimoni di Geova, era stata falcidiata dal Covid.

LEGGI: Famiglia distrutta dal Covid in quattro giorni: padre, madre e figlia, tutti testimoni di Geova, non erano vaccinati

Ancora dal Veneto una vicenda emblematica soprattutto sul fronte dell'utilizzo sconsiderato di cure alternative.

LEGGI: Vuole curare il Covid con l'antiparassitario per cavalli e finisce in ospedale in gravi condizioni

E poi c'è la vicenda del leader No vax pentito Cosimo Franco: è diventato virale un suo accorato messaggio con il casco d'ossigeno in testa. L'assurdità è che i gli stessi ex commilitoni No vax sono arrivati a mettere in discussione il filmato, sostenendo che fosse stato ingaggiato un attore...

LEGGI: Dopo il video virale col casco, No vax "pentito" accusato di essere un attore

In Piemonte, un'operatrice sanitaria No vax è morta di Covid. Diceva "Spero di prendere il virus".

LEGGI: Operatrice sanitaria No vax morta di Covid. Diceva: "Spero di prendere il virus"

E poi c'è il dentista di Biella. Quello che si è presentato all'hub vaccinale con un braccio finto in silicone. La sua storia è stata annoverata fra le cinque più assurde del 2021 anche dai media internazionali.

LEGGI: Chi è l'odontoiatra No vax che si è presentato a farsi vaccinare col braccio in silicone

Altro leader No vax pentito, sempre dal Veneto.

LEGGI: Il leader No vax dopo il ricovero cambia idea: "Mi vaccinerò, fatelo pure voi"

Un altro episodio balzato alla ribalta nazionale si era verificato a Novara, dove un gruppo di No vax si era reso protagonista di un'inaccettabile messa in scena, tutti travestiti da deportati nei campi di concentramento nazisti.

LEGGI: No vax come "deportati" dell'Olocausto: ora scattano i provvedimenti

Ad altri che volevano portare al mondo il "Vangelo" No vax era andata peggio...

LEGGI: No Vax blocca la metro per fare un comizio e i passeggeri lo buttano fuori

Da Bergamo a Padova, altri medici beccati a far finta di iniettare il vaccino: un fenomeno che ha anche fatto attivare diverse Procure in tutta Italia, dietro il sospetto in molti casi di una vera e  propria organizzazione.

LEGGI: Medico dei No vax iniettava soluzione fisiologica, un altro rilasciava Green pass addirittura senza fare il vaccino

Cure alternative, e in questo caso anche la telemedicina, si sono rivelate fatali sin dall'inizio della quarta ondata: a Ferrara un pensionato aveva persino deciso di prendere un vermifugo, convinto che sconfiggesse il Covid.

LEGGI: No vax si curava con telemedicina e rimedi alternativi: morto a 68 anni

E finiamo con Sabrina Pattarello, la maestra trevigiana diventata forse il primo personaggio mediatico No Vax finito sotto i riflettori a livello nazionale. Era stata addirittura espulsa per via della propaganda che faceva in classe. Poi però s'è ammalata e, alla fine, s'è pentita.

LEGGI: La maestra No vax dopo il ricovero in terapia intensiva ha cambiato idea