Attualità
A verona

Nello stesso reparto quattro donne incinte col Covid: i bambini fatti nascere col cesareo

Le condizioni più critiche sono di una 45enne di Trieste. La bimba è stata fatta nascere dopo 27 settimane. E' in condizioni critiche, ma non ha il virus.

Nello stesso reparto quattro donne incinte col Covid: i bambini fatti nascere col cesareo
Attualità 22 Dicembre 2021 ore 09:43

Quattro donne, tutte non vaccinate e incinte, si trovano  in Terapia intensiva all'ospedale di Borgo Trento a Verona. I loro bambini sono stati fatti nascere tutti con il cesareo e si trovano in condizioni critiche.

Quattro donne incinta (non vaccinate) in Rianimazione

La più grave delle quattro è una triestina di 45 anni, che è stata trasferita nel nosocomio scaligero (dotato di Ecmo, macchina per la circolazione extracorporea) a fine novembre e da allora si trova in Terapia intensiva. Le altre tre sono state invece trasferite in semi-intensiva, e sono ventilate con il casco. Le loro condizioni sono monitorate ma sembrerebbero in leggero miglioramento.

I bimbi fatti nascere col cesareo

I bimbi sono stati tutti fatti nascere con il cesareo. La situazione più complicata è quella della bimba della mamma di Trieste, nata di 27 settimane e del peso di un chilo. Il dato positivo è la negatività al Covid, ma è stata comunque necessaria una trasfusione e la prognosi rimane al momento riservata.

Gli altri tre piccoli sono stati invece fatti nascere all'ottavo mese, e sono in condizioni comunque serie, monitorati 24 ore al giorno dal personale dell'ospedale veronese.

Il Covid (e il vaccino) in gravidanza

Il dibattito sulla vaccinazione in gravidanza è vivo da tempo. Molte mamme in dolce attesa hanno preferito - anche su consiglio del proprio medico - rinviare la somministrazione del vaccino per timore di effetti avversi sul feto. Vari studi hanno dimostrato che la somministrazione sembrerebbe sicura, e in questi giorni sono emersi casi di donne in gravidanza contagiate   nonostante abbiano fatto due o tre dosi. Il dato positivo in questo caso è che hanno sviluppato solo sintomi lievi, senza dunque bisogno di ricorrere alle Terapie intensive e dunque a un parto prematuro.

 

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter