Economia
Filmato virale

Caro bollette, la supplica del parroco: "Fate offerte più alte"

E' successo a Carinaro, in provincia di Caserta. Manco a dirlo, è esplosa la polemica.

Economia 13 Settembre 2022 ore 18:07

Vi abbiamo raccontato di commercianti, ristoratori, baristi e gestori di piscine pubbliche che, a causa del caro energia e dell'inflazione, sono costretti o ad aumentare i prezzi e tariffe o a chiudere perché non riescono a sostenere l'incremento delle bollette di luce e gas. Una situazione veramente insostenibile, destinata a peggiorare se non si verranno adottate precauzioni, che si è abbattuta indistintamente su tutti i cittadini, anche su coloro che meno ti aspetti, come ad esempio questo parroco casertano: afflitto dall'aumento delle bollette, non gli è rimasto altro che affidarsi ai suoi fedeli, chiedendo loro offerte più alte.

Bollette troppo care, il parroco chiede offerte più alte ai fedeli

Tra commercianti ed esercenti che cercano qualsiasi soluzione per risparmiare gas e corrente elettrica o aumentano i prezzi di tariffe e prodotti per far fronte all'aumento delle bollette, c'è anche chi prova, in modo esplicito, a farsi dare una mano dagli altri. D'altronde, considerata il suo ruolo nella comunità, una richiesta di questo tipo gli sarebbe parsa lecita e quindi non ha esitato a farla.

Sui social media è diventato virale il filmato del parroco di Carinaro (Caserta) che, durante la messa per la festa di Sant'Eufemia, ha esortato i presenti a fare offerte più alte.

IL VIDEO:

Queste le parole del prete casertano:

"A chi passa attraverso le nostre strade - dice dall'altare - per i nostri palazzi, accogliamolo con il sorriso, con le nostre preghiere e con il dono della generosità, come avete sempre fatto. Quest’anno con qualcosina in più, perché dovunque siamo andati ad acquistare e fare contratti ci hanno detto che è aumentato tutto. Allora qualche cosina in più, non dico quanto, rispetto agli altri anni e credo che riusciamo a coprire tutte le spese. Basta un pochino in più. Voi avete già capito. Dio ama chi dona con gioia, Dio ama con generosità chi dona veramente con tutto il cuore ma non con tristezza, non con le lacrime. Mi raccomando, facciamo come fanno gli sposi, con le lacrime di gioia".

Le polemiche non sono mancate

Ebbene, dopo che il video è diventato super popolare in Rete, non si sono fatte attendere le polemiche. Primo tra tutti è stato il consigliere regionale della Campania, Francesco Emilio Borrelli, che ha riproposto il filmato sui suoi profili social, citando la segnalazione di un cittadino:

"Caro Francesco, ti seguo sempre. Sono un padre di famiglia che lavora ad Acerra e abito in provincia di Caserta, faccio volontariato con associazione (Il sorriso di padre pio) ma quando vedo queste cose mi avvilisco".

Tantissimi poi i commenti negativi apparsi sotto al suo post, tra chi grida alla vergogna e chi fa notare che gli stipendi restano invariati. Qualcuno però cerca di dare un'interpretazione meno veniale alle parole del prete:

"Non è chiaro il fine - si legge in un commento - ma se servisse ad aiutare i più deboli è normale che tutto costi di più e serve di più, forse avrebbe dovuto dirlo in un altro modo ma almeno è stato chiaro e diretto".

Manichino impiccato nella vetrina del bar: "E' arrivata la bolletta!"

Mentre il parroco di Carinaro ha avanzato la richiesta di offerte più alte ai fedeli, tra i commerciati c'è chi continua nelle sue iniziative di protesta contro il caro bollette. A riguardo, l'episodio più recente che vi avevano segnalato riguardava una barista romana che, dopo aver ricevuto l'ultima bolletta del gas, ha deciso di appendere un manichino impiccato in vetrina con il cartello "E' arrivata la bolletta!".

Un simbolo forte, ma estremamente emblematico di una situazione orma insostenibile:

"Non sappiamo più come andare avanti. Ho licenziato due persone perché o pago le spese o pago i miei ragazzi e non ce la facciamo veramente più".

Manichino impiccato in vetrina contro il caro bollette

Alessandro Balconi

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter