Esteri
in europa

Ufficiale: Austria primo Paese a introdurre l'obbligo vaccinale

Dal 22 novembre dieci giorni di lockdown. Da febbraio tutti dovranno essere vaccinati.

Ufficiale: Austria primo Paese a introdurre l'obbligo vaccinale
Esteri 19 Novembre 2021 ore 11:47

Il lockdown per non vaccinati evidentemente non è bastato. E dunque l'Austria decide di prendere il toro per le corna: lockdown per tutti  da  lunedì 22 novembre 2021 e obbligo vaccinale da febbraio 2022.

Austria:   da febbraio scatta l'obbligo vaccinale

Il cancelliere austriaco Alexander Schallenberg ha annunciato venerdì 19 novembre 2021 che l’Austria imporrà l’obbligo di vaccinarsi contro il Covid a partire dal prossimo febbraio. E da lunedì, l’intero Paese sarà in lockdown.  Si tratta del primo Paese dell'Unione Europea che vara l'obbligatorietà del siero anti-Covid.

"Nonostante mesi di impegno non siamo riusciti a convincere abbastanza gente a farsi vaccinare. Ci sono troppe forze politiche che ci vanno contro. E' un attentato al sistema sanitario, ma noi non vogliamo una quinta ondata".

Da lunedì lockdown

Intanto, dopo aver sperimentato le restrizioni solo per i non vaccinati, da lunedì scatterà il lockdown per tutto il Paese. Scuole chiuse, didattica a distanza, stop agli eventi e chiusura dei ristoranti. Il tutto per almeno 10 giorni.

Dall'8 novembre il Governo austriaco, a fronte di una percentuale di non vaccinati superiore al 30%, aveva varato una serie di norme restrittive solo per chi  non voleva sottoporsi alla somministrazione, che non poteva più accedere a gran parte dei luoghi della socialità. I dati hanno mostrato un miglioramento, ma evidentemente non quanto ci si aspettava. E dunque è arrivata la decisione drastica.

LEGGI ANCHE: Il confronto tra Italia e Austria. Perché noi siamo messi meglio

Il "modello austriaco" era stato preso d'esempio anche da alcuni governatori delle nostre Regioni e da alcuni scienziati, che hanno chiesto anche per l'Italia l'applicazione di regole più ferree per i No vax. Il Governo sinora ha nicchiato, ma nelle ultime ore si sta facendo sempre più strada la possibilità che una differenziazione tra vaccinati e non vaccinati possa avvenire anche nel nostro Paese.