Economia
che fine fanno i contributi anti-crisi

Bonus 200 euro, cuneo fiscale, benzina e bollette: cosa succede con la caduta del Governo Draghi

Il bonus rimane, incerto il futuro di cuneo fiscale, sconto sulla benzina e sulle bollette.

Bonus 200 euro, cuneo fiscale, benzina e bollette: cosa succede con la caduta del Governo Draghi
Economia Aggiornamento:

La crisi politica  potrebbe avere un effetto immediato e diretto anche sulle tasche degli italiani. Alcune misure su cui stava lavorando l'Esecutivo di Mario Draghi, infatti, potrebbero venire cancellate o modificate. Vediamo insieme cosa succede al Bonus 200 euro e alle altre iniziative di sostegno degli italiani dopo la caduta del Governo.

Cosa succede al Bonus 200 euro  dopo la caduta del Governo Draghi

Il contributo più imminente nel tempo è il famoso Bonus 200  euro in busta paga. I pensionati lo hanno già ricevuto e i lavoratori dipendenti se lo vedranno accreditare con lo stipendio di luglio (a fine mese o ai primi di agosto, insomma), così come i percettori di reddito di cittadinanza e lavoratori domestici. I titolari di Naspi, disoccupati e beneficiari dell'ex indennità Covid,  riceveranno invece il bonus a ottobre. Indipendentemente da quanto accaduto al Governo. Questo perché, a differenza di altre misure di cui si sta parlando, il bonus è già stato approvato dal Parlamento.

LEGGI ANCHE: Quando arriva il bonus 200 euro, il calendario 

Il bonus arriverà anche ad autonomi e partite Iva, anche se potrebbe subire un ulteriore rallentamento. Per costoro, infatti, si attendono ancora le modalità attuative di richiesta. I fondi però sono già stati stanziati e il contributo sarà confermato.

Cuneo fiscale, benzina, bollette: cosa succede?

Una situazione su cui stava lavorando l'Esecutivo era il taglio del cuneo fiscale, che avrebbe potuto portare nelle buste paga degli italiani un qualcosa in meno di un centinaio di euro al mese da settembre a dicembre.

Questione benzina: il Governo ha prorogato lo sconto sino al 21 agosto  proprio in extremis. Poi dal giorno seguente si dovrebbe tornare al prezzo pieno.

Il premier e la sua squadra ragionavano anche su un ulteriore aiuto per il pagamento delle bollette, visto che il Decreto attualmente in vigore conclude i suoi effetti nel terzo trimestre dell'anno.

Un esecutivo dimissionario rimane in carica solo per l'ordinaria amministrazione ma può emanare decreti legge, dunque è possibile che anche per queste situazioni ci possa essere un futuro. Ma è tutto da scrivere...

Seguici sui nostri canali