Cronaca
Veglia con il vescovo

Strage in A4, giovedì i funerali alla stadio di Riccione: attese quasi 10mila persone

La città che si stringe attorno ai familiari delle vittime del terribile incidente che ha strappato alla vita cinque ragazzi con sindrome di down, la loro educatrice e l'ex sindaco di Riccione.

Strage in A4, giovedì i funerali alla stadio di Riccione: attese quasi 10mila persone
Cronaca 11 Ottobre 2022 ore 10:18

Riccione li aspetta: mercoledì mattina - 12 ottobre 2022 - le salme di Francesca Conti, Rossella De Luca, Maria Aluigi, Valentina Ubaldi, Alfredo Barbieri, Romina Bannini - la loro educatrice, generosa fino all'ultimo che ha donato gli organi - e Massimo Pironi, ex sindaco della città, lasceranno l'obitorio di San Donà di Piave. I funerali dei cinque ragazzi con sindrome di down e dei loro accompagnatori, che hanno perso la vita nel tragico schianto avvenuto venerdì 7 ottobre in A4, si terranno giovedì 13 ottobre, allo stadio di Riccione.

Le vittime in un momento di gioia

La veglia

Il dolore per la strage che ha spezzato sette vite, e la volontà di stare vicino alle famiglie delle vittime: la comunità di Riccione si è riunita in preghiera nella chiesa di San Martino con il vescovo di Rimini, Mons. Francesco Lambiasi, e tutti i parroci riccionesi.

Il RICORDO E LO SCHIANTO

fd
Foto 1 di 8

Fiori e doni per le vittime

adf
Foto 2 di 8

Il luogo dello schianto

pullmino
Foto 3 di 8

Il mezzo accartocciato

asd
Foto 4 di 8

La camera ardente

incidente
Foto 5 di 8

Il tragico schianto in A4

Romina
Foto 6 di 8

Romina, l'educatrice

Massimo Pironi
Foto 7 di 8

Massimo Pironi

Valentina
Foto 8 di 8

Valentina, una delle vittime

La funzione è stata trasmessa anche in streaming, vista l'impossibilità di ospitare tutti i cittadini che avevano espresso il desiderio di parteciparvi per ricordare.

Il vescovo di Rimini consola i presenti alla veglia

"Hanno quel modo di guardarti puro che è un dono grande per tutti, noi abbiamo il dono di averli più vicini e siamo più fortunati".

Cristina Codicé, mamma di Maria

Così ha parlato Cristina, mamma di Maria - una delle vittime - che proprio per la figlia aveva fondato il Centro 21, luogo di inclusione per tanti giovani con sindrome di down e le loro famiglie. Più di 500 persone si sono strette in preghiera durante la veglia dedicata ai ragazzi morti nel terribile incidente, insieme a Romina e a Pironi.

Il vescovo Lambiasi ha avuto parole di conforto per i presenti, smarriti da tanto dolore:

"Vi riabbracceremo tutti, tutti".

I funerali allo stadio cittadino

Mercoledì pomeriggio e giovedì mattina sarà allestita la camera ardente, al palazzetto dello sport di Riccione, e nel pomeriggio, alle 14:30, un funerale congiunto allo stadio comunale, come chiesto dai parenti delle sette vittime.


La cerimonia sarà presideuta dal Vescovo di Rimini con tutti i parroci di Riccione. Saranno in tanti a partecipare: duemila nelle tribune e seimila nel prato. Verrà istituito il lutto cittadino, così come spiritualmente è giò stato finora, dal momento in cui è avvenuto il terribile schianto e si è consumata la tragedia.

Da quel pulmino, guidato da Pironi che stava portando i cinque giovani e la loro educatrice in Carnia, è stata estratta viva soltanto Romina, che aveva dedicato la sua vita agli altri. Il giorno dopo anche il suo nome si è aggiunto alla drammatica lista delle vittime che in quello schianto hanno visto spezzata la loro vita e i loro sogni. Come quello di Rossella e Alfredo, che sognavano di sposarsi.

Rossella, una delle sette vittime

La Procura di Venezia ha aperto un'inchiesta per omicidio stradale plurimo colposo, per permettere ai legali delle vittime di prendere parte agli accertamenti. Sull'asfalto non ci sono segni di frenata. L'ipotesi più accreditata è quella di un malore dell'ex primo cittadino. Seguiranno accertamenti sul veicolo per escludere un guasto tecnico.

Seguici sui nostri canali