Cronaca
Doppia aggressione a Firenze

Picchia il compagno e pure il soccorritore 18enne che lo sta caricando sull'ambulanza

Il volontario 18enne si è frapposto tra i due rimediando una frattura del bacino e un rigonfiamento della milza. Prognosi di 25 giorni (di cui 15 immobile a letto)

Picchia il compagno e pure il soccorritore 18enne che lo sta caricando sull'ambulanza
Cronaca 06 Settembre 2022 ore 07:36

Un violento litigio, finito con un confronto fisico piuttosto acceso, tanto che lui ha avuto bisogno di essere soccorso da un'ambulanza. Ma lei aveva ancora qualcosa da dirgli ed è salita sul mezzo di soccorso. E a farne le spese è stato un volontario diciottenne del 118, colpito a sua volta e finito in ospedale con una prognosi di 25 giorni. E' successo a Firenze.

Picchia il compagno e pure il soccorritore dell'ambulanza

La chiamata ai soccorsi era scattata nella serata di domenica 4 settembre 2022. Al termine di una violenta lite tra due conviventi, lui aveva avuto la peggio. Sul posto è quindi stata inviata un'ambulanza della Pubblica assistenza Humanitas Firenze Nord, sulla quale - tra gli altri - c'era in servizio il volontario diciottenne.

Quando i soccorritori hanno stabilizzato il paziente e lo stavano caricando sull'ambulanza, però, è ricomparsa la donna che ha tentato di salire sul mezzo di soccorso per proseguire nella lite. Il volontario, d'istinto, si è frapposto tra i due, beccandosi un pugno all'addome che lo ha fatto cadere a terra.

Prognosi di 25 giorni

Il ragazzo è stato dunque caricato a sua volta sull'ambulanza e trasferito dai colleghi al Pronto soccorso di Careggi. Qui i medici gli hanno diagnosticato una frattura del bacino e un rigonfiamento della milza. La prognosi è di 25 giorni, di cui 15 da trascorrere immobilizzato nel letto.

Soccorritori aggrediti, un problema da risolvere

Quello delle aggressioni ai danni dei soccorritori è un problema che spesso torna ciclicamente. Da Nord a Sud non si contano gli episodi, tanto che anche le associazioni del soccorso e i medici degli ospedali chiedono a gran voce più sicurezza. Un passo in avanti è stato fatto in tal senso da Regione Lombardia, che ha deciso di dotare i propri soccorritori di bodycam. Uno strumento che può essere utile non solo per ricostruire eventuali aggressioni, ma anche funzionare da deterrente.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter