in terapia intensiva

Bimba di 5 anni azzannata dal pitbull di famiglia mentre dorme: operata alla testa, è grave

Fatale una porta rimasta aperta: l'animale si sarebbe intrufolato in casa e avrebbe fatto partire l'aggressione

Bimba di 5 anni azzannata dal pitbull di famiglia mentre dorme: operata alla testa, è grave
Pubblicato:
Aggiornato:

Una bambina di 5 anni è stata azzannata alla testa, al viso e agli arti dal cane di famiglia - un pitbull- mentre dormiva in casa a Cutrofiano, nel Salento, in provincia di Lecce.

La piccola è stata sottoposta ad un intervento chirurgico alla testa, versa in gravi condizioni.

Bimba di 5 anni azzannata dal pitbull di famiglia mentre dorme

Il dramma nelle scorse ore. Il pitbull sarebbe entrato in casa approfittando del fatto che la porta era stata, accidentalmente, lasciata aperta. L’animale ha morso la piccola, che stava dormendo, oltre che alla testa anche a un polpaccio. I genitori della bambina, sentite le urla, sono immediatamente intervenuti in suo soccorso trasportandola in ospedale a Tricase. Qui la minore è stata sottoposta a un intervento chirurgico per le gravi ferite riportate. A quanto si apprende sarebbe in condizioni stabili ma è intubata nella terapia intensiva pediatrica dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. E le sue condizioni restano gravi.

L'animale era di proprietà della famiglia.

Precedenti analoghi

Un evento fotocopia si è verificato soltanto poche settimane fa: una bimba di 4 anni di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, è stata azzannata da un pitbull di proprietà della sua famiglia, nella giornata di domenica 18 febbraio 2024.

Pitbull

L'animale l'ha morsa alla testa, alle braccia e ai glutei provocando ferite profonde: la bimba è stata trasportata in gravi condizioni al pronto soccorso, dove è stata sedata e sottoposta a intervento chirurgico. E' sopravvissuta.

Runner ucciso da 3 rottweiler

Domenica 11 febbraio 2024, Paolo Pasqualini, 39 anni, è stato sbranato da tre rottweiler mentre faceva jogging nel parco cittadino di Manziana, alle porte di Roma. 

Paolo Pasqualini

I proprietari degli animali, catturati e sedati dopo l'aggressione mortale, si difendono spiegando che i cani non avevano mai dato segnali di aggressività. I rottweiler sono riusciti ad uscire dalla proprietà privata - da chiarire come - e hanno aggredito Pasqualini.

L'abitazione in cui vivevano i rottweiler

Sbranata dal rottweiler di famiglia

Tragedia con medesimo esito ad Imperia, nella primavera del 2023. Stava dando da mangiare al cane del fratello, un rottweiler, che a un certo punto l'ha assalita e letteralmente sbranata, provocandole lesioni gravissime a testa, gambe, addome, spalle e braccia. 

Patrizia La Marca, 53 anni, è morta così, dopo una breve agonia, nonostante i disperati tentativi di salvarla dei soccorritori, ai quali aveva lanciato un disperato appello: "Aiutatemi, ho paura di morire".

Uccisa dal pitbull del vicino di casa

Nell'ottobre 2023, nella frazione Ghiaie di Corana, nell'Oltrepò Pavese, Enrica Bensi, anziana di 86 anni è stata aggredita in strada da un pitbull che l'ha sbranata fino ad ucciderla. Enrica stava passeggiando a pochi metri da casa, quando il cane, di proprietà di un vicino, è riuscito a sfuggire alla custodia e si è avventato sulla signora, senza lasciarle scampo.

Nonna sbranata da 5 lupi cecoslovacchi

Mariangela Zaffino, 74 anni, era stata sbranata in casa a Grugliasco, nell'hinterland torinese, dove risiedeva con la figlia, la 48enne Simona Spataro, dai 5 lupi cecoslovacchi che vivevano con loro.

Anziana sbranata dai 5 lupi cecoslovacchi della figlia assolta
I 5 lupi cecoslovacchi protagonisti del dramma

Una morte che aveva portato a un seguito giudiziario, dove Simona, accusata di omicidio colposo, è stata assolta, mentre l'accusa attraverso il Pubblico ministero aveva chiesto una condanna di otto anni. 

La tragedia si era consumata nel dicembre 2020: la vittima viveva con gli animali. Una tragedia quindi non prevedibile secondo la difesa, una tesi difensiva che è stata poi evidentemente seguita anche dai giudici al momento della sentenza. Attualmente i cinque cani si trovano nelle Marche, in una struttura cinofila per la rieducazione di animali domestici con un trascorso difficile. 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali