Cronaca
il video incredibile

Al peggio non c'è mai fine: No vax a messa, la Polizia deve intervenire

E' successo a Pescara, un arrestato e sei denunciati. Una esagitata chiedeva lei le generalità agli agenti, qualcuno ha cercato anche di sfilare una pistola dalla fondina.

Cronaca 29 Settembre 2021 ore 18:10

Immaginate di trovarvi a Messa. A un certo punto  un gruppo di una ventina di persone leva la mascherina e invita tutti a fare altrettanto. Scoppia il finimondo, con tanto di arrivo della Polizia, un arresto e sei denunce. E' l'incredibile scena verificatasi a Pescara.

A Pescara la Polizia sgombera i No vax dalla Messa

E' successo alla  basilica della Madonna dei Sette Dolori, dove era in corso una celebrazione religiosa.

Il  gruppo di contestatori è  in chiesa e si è mescolato tra i fedeli. Poi a un certo punto i manifestanti si sono sfilati la mascherina invitando tutti i fedeli che stavano seguendo la funzione religiosa a fare altrettanto. A quel punto la situazione si è fatta tesa, sono volati insulti ("Schiavi", è stato urlato nei confronti di chi rispettava le prescrizioni), tanto che qualcuno ha lasciato la chiesa e sono state chiamate le Forze dell'ordine.

LEGGI ANCHE: No vax convince malato Covid a lasciare l'ospedale, lui gli dà retta e muore

L'arrivo della Polizia e il parapiglia

Sul posto è arrivata la Polizia. Ma la cosa non ha rasserenato gli animi, anzi. Gli uomini della Questura hanno sgomberato non senza difficoltà i  contestatori dall'edificio sacro, mentre qualcuno riprendeva la scena (inutile dire che il video è diventato presto virale) e minacciava addirittura di denunciarli.

Il parapiglia è continuato al di fuori della chiesa: mentre gli agenti cercavano di portare via un uomo - un quarantenne pescarese arrestato - sono stati colpiti da altri No vax. Sei persone sono state denunciate, tra cui una donna che ha tentato di sfilare la pistola a un poliziotto.  Dovranno rispondere a vario titolo di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate in concorso, turbamento di funzioni religiose e rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale.

Le parole del questore e del governatore

La questione ha fatto il giro d'Italia - anche con ricostruzioni fantasiose - tanto che il questore di Pescara Luigi Liguori è intervenuto per chiarire meglio l'accaduto in un'intervista al giornale locale Il Centro.

"A Pescara abbiamo garantito la libertà di manifestare in modo pacifico. Ultimamente si sono verificati alcuni episodi. Non ci aspettavamo un livello del genere. Non c'è obbligo di Green pass in chiesa, ma costoro hanno deciso di levarsi la mascherina, invitati a usarla non lo hanno fatto, hanno fatto resistenza e oltraggio alla Polizia, qualcuno ha cercato anche di sfilare la pistola dalla fondina di un agente".

Sulla vicenda è intervenuto nel pomeriggio di oggi, mercoledì 29 settembre 2021, anche il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, intervistato su Rai Uno a "Oggi è un altro giorno".

"Quelle sono persone volgari e incivili che stanno avendo ciò che meritano. Non si interrompe una funzione religiosa, non si minaccia nessuno e non si mettono le mani addosso alle forze dell'ordine. È stata una brutta e inutile provocazione".