Attualità
"ADESSO BASTA"

Bertolaso sfida: "Ritirare il Green pass a chi non fa la terza dose"

I dati dei ricoveri rispetto a un anno fa: diminuiti di sette volte i posti letto occupati sia nei reparti che nelle Terapie intensive.

Bertolaso sfida: "Ritirare il Green pass a chi non fa la terza dose"
Attualità 06 Novembre 2021 ore 10:06

Ritirare il Green pass a chi non fa la terza dose. La proposta - destinata a fare scalpore - arriva dal commissario per l'emergenza Covid in Lombardia Guido Bertolaso. Durante un suo intervento nel meeting "Lotta al covid: Italia e Israele a confronto", organizzato dalla Ambasciata di Israele in Italia e dall’associazione Ricostruire, l'ex capo della Protezione Civile è tornato sul tema  della terza dose.

Bertolaso: "Niente terza dose? Via il Green pass"

Bertolaso non ci ha girato troppo intorno:

"I numeri dicono che solo attraverso la vaccinazione teniamo sotto controllo il Covid: la terza dose, infatti, serve a ridurre il Covid a un banale raffreddore. Quindi propongo di ritirare il green pass a chi non fa la terza dose".

Una prospettiva che ricalca più o meno quella proposta pochi giorni fa da Guido Rasi. L'ex direttore dell'Ema e consulente del commissario straordinario per l'emergenza Francesco Paolo Figliuolo aveva infatti ipotizzato uno scenario   simile all'Austria, che prevede zone gialle e restrizioni soltanto per i non vaccinati.

Che potrebbero anche veder dimezzato il tempo di validità del tampone. Secondo Rasi, infatti, 48 ore sono troppe tra un test e l'altro e la proposta è quella di un test ogni 24 ore, a cui sottoporre chi va a lavorare o partecipa a un evento pubblico.

I dati sui ricoveri a confronto

LEGGI ANCHE: Un anno fa partivano le zone colorate: come è cambiata la situazione

A guardare la situazione dei ricoveri la situazione rimane comunque sotto controllo. Basta fare un confronto rispetto a un anno fa. Il 4 novembre 2020 nei reparti ospedalieri italiani c'erano  22.116 ricoverati, e 2.292 in terapia intensiva. A distanza di dodici mesi i dati sono decisamente diversi: 3.045 nei reparti ordinari e 383 in quelli di emergenza.

A oggi la situazione migliore è quella della Valle d'Aosta, con solo tre persone ricoverate (e nessuno in Terapia intensiva), e del Molise (5 in reparto, 1 in Terapia intensiva). Situazione nettamente migliorata un po' ovunque, anche se spiccano i dati di Lombardia e Liguria. Negli ultimi giorni è salito invece il dato dei ricoveri in Friuli. 

IL CONFRONTO DEI RICOVERI NEI REPARTI

REGIONE RICOVERATI 4/11/2020 RICOVERATI 4/11/2021
Lombardia 5018 507
Piemonte 3525 233
Campania 1569 175
Veneto 1076 149
Emillia Romagna 1554 161
Lazio 2317 217
Toscana 1319 197
Liguria 1196 77
Sicilia 1105 148
Puglia 745 116
Marche 398 54
Abruzzo 427 36
Friuili Venezia Giulia 215 40
Umbria 307 49
Sardegna 344 45
PA Bolzano 309 33
PA Trento 211 11
Calabria 212 11
Valle d'Aosta 152 11
Basilicata 89 15
Molise 28 7
TOTALE 22116 2292

IL CONFRONTO DEI RICOVERI IN TERAPIA INTENSIVA:

REGIONE TERAPIE INTENSIVE 4/11/2020 TERAPIE INTENSIVE 4/11/2021
Lombardia 330 49
Piemonte 206 21
Campania 262 18
Veneto 184 39
Emillia Romagna 297 38
Lazio 448 57
Toscana 274 26
Liguria 78 10
Sicilia 302 37
Puglia 146 17
Marche 59 22
Abruzzo 69 6
Friuili Venezia Giulia 98 16
Umbria 39 7
Sardegna 38 6
PA Bolzano 58 3
PA Trento 25 2
Calabria 99 8
Valle d'Aosta 3 0
Basilicata 25 0
Molise 5 1
TOTALE 3045 383