Politica
La polemica

Vaccinazioni ai bambini, De Luca su Salvini: "Mi ricorda l'uomo di Neanderthal"

Duro affondo del Governatore della Campania contro il leader leghista: "Per arrivare all'homo sapiens gli servono 40mila anni".

Vaccinazioni ai bambini, De Luca su Salvini: "Mi ricorda l'uomo di Neanderthal"
Politica 18 Dicembre 2021 ore 14:50

(Non) c'eravamo tanto amati. Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, un fiume in piena contro il leader della Lega Matteo Salvini.

L'argomento? Le vaccinazioni ai bambini e le posizioni tenute dall'ex ministro dell'Interno riguardo le vaccinazioni alla fascia di età sotto i 12 anni. Ma in realtà il vulcanico governatore ne ha avute un po' per tutti.

De Luca, Salvini e l'uomo di Neanderthal

E' accaduto a margine della presentazione della campagna vaccinale della Campania dedicata appunto ai bambini, all'ingresso della scuola Vittorino da Feltre a Napoli.

Incalzato dai cronisti sulle posizioni sul tema (nonostante l'eccellente risposta della Lombardia circa le prenotazioni dei bambini) da parte del leader leghista, De Luca ha iniziato un vero e proprio show:

"A Napoli mi parlate di Salvini. E' una vera e propria provocazione. In tutto il mondo si stanno vaccinando i bambini contro il Covid senza alcun problema, Salvini è un irresponsabile che continua ad alimentare un clima di paura. Del resto, quando penso a Salvini penso che è allo stadio evolutivo dei Neanderthal, prima di arrivare al Sapiens Sapiens ci vogliono altri 40mila anni"

Vaccinazioni, Covid e "gli imbecilli": un fiume in piena

Ma, come detto, non è stato solo Salvini il bersaglio preso di mira da De Luca. Il governatore dem della Campania ed ex sindaco di Salerno è andato all'attacco anche della valanga di informazioni e fake news che vengono veicolate attraverso i programmi Tv e i suoi ospiti.

De Luca non ha risparmiato nessuno:

"Per mesi nelle Tv e sui giornali ha parlato la più grande quantità di imbecilli che si era concentrata in Italia e questa è una cosa incredibile. Non è tollerabile che ci siano trasmissioni dove parlano parcheggiatori abusivi e primari di pediatria. In quale Paese del mondo succede? E' evidente che si è creato un clima di confusione che ovviamente ha creato incertezza nelle famiglie"

Vaccinazioni ai bambini, Campania indietro

Una situazione d'incertezza che secondo il governatore ha finito per penalizzare la sua Regione.

Basti pensare che il primo giorno si sono registrate solo 4mila adesioni. "E' per questo che abbiamo detto no alle feste in piazza e imposto il divieto di vendita di alcolici e introdotto l'obbligo della mascherina. Dobbiamo proteggerci in altri modi, anche se vogliamo recuperare terreno anche sulle prenotazioni per i bambini".