Politica
Le previsioni del Senatur

TotoQuirinale: il vero super favorito è Casini (lo dice anche Bossi)

Per l'ex leader della Lega, ormai in ritiro nel Varesotto, Berlusconi ha ben poche chance per succedere alla carica di Sergio Mattarella.

TotoQuirinale: il vero super favorito è Casini (lo dice anche Bossi)
Politica 27 Dicembre 2021 ore 17:22

Quirinale, Bossi, Casini. La corsa al Colle per il successore di Sergio Mattarella entra sempre più nel vivo. E per Umberto Bossi, ex leader della Lega alla fine la spunterà Pierferdinando Casini: un nome che dal cilindro avevamo tirato fuori anche noi di News Prima già dieci giorni fa. Infatti il silenzio e ritiro dalle "scene" in queste ultime settimane da parte del leader centrista da molti è stato interpretato come più di un indizio...

Quirinale, Bossi, Casini: la profezia del Senatur

A unirli era stata l'esperienza dell'Italia del Buongoverno, del Polo delle Libertà, un sogno di un Centrodestra unito e costruttivo che è probabilmente rimasto tale, complici qualche diversità di vedute tra i protagonisti di allora, qualche gelosia e di conseguenza qualche ripicca.

Ma nel mondo delle politica, al di là delle schermaglie delle dialettica, i protagonisti sono spesso guidati da giudizi oggettivi sulle persone. Spesso se non da amicizia, da sana rivalità, buona conoscenza degli uni e degli altri e molte volte da stima personale.

Ecco perché probabilmente dalla sfera di cristallo di Umberto Bossi, il Senatur, il favorito per la corsa al Quirinale è il suo ex collega di coalizione e governo Pierferdinando Casini, già leader dell'Unione di Centro.

Corsa al Quirinale: "La spunta Casini..."

quirinale bossi casini
Umberto Bossi

Quirinale, Bossi, Casini: un triangolo nel segno della profezia politica. Da parte di uno che spesso ci ha visto lungo e in anticipo sugli altri.

"La spunta Casini..."

Ha risposto così, Umberto Bossi, sornione e un po' affaticato da mille battaglie, non solo politiche, a chi gli chiedeva chi potrebbe essere il nuovo inquilino del Colle, ovvero il nuovo presidente della Repubblica.

E' accaduto alla messa di Natale a Buguggiate, vicino a Gemonio, suo storico quartier generale in provincia di Varese dove il Senatur vive ormai costantemente, a 80 anni e su una carrozzina, dopo aver praticamente quasi "cancellato" le sue apparizioni politiche romane (anche per contrasti con il nuovo corso targato Salvini della Lega).

Chi corre, chi verrà rallentato, chi non partecipa, chi la spunta

Ma sul Quirinale, dove peraltro potrebbe anche tornare a Roma per il voto, Bossi, specie su alcune candidature ha le idee chiare.

Come ad esempio su Silvio Berlusconi:

"Il Presidente della Repubblica è anche il capo dei magistrati, del Csm, il Consiglio superiore della magistratura. E i magistrati sappiamo che rapporto hanno con Berlusconi".

Un particolare, quello dell'eventuale "rapporto-conflitto" con il Csm non di poco conto e che in effetti, molti tra i più acuti osservatori di Politica interna hanno messo sul tavolo nel commentare e considerare una possibile candidatura del Cavaliere e leader di Forza Italia a Capo dello Stato.

Quella di Draghi rimane una buona soluzione, ma il Senatur ha mostrato uno certo scetticismo che alla fine tutti i partiti possano convergere su di lui. Così come ha invece escluso la possibilità di vedere al Colle un suo fedelissimo, in questo caso, un vero e proprio outsider, Giancarlo Giorgetti:

"Non è proprio il tipo. Non è uno che vuole mettersi in vista"

La spunta Casini, il politico sparito dai radar...

Ecco allora la profezia:

"Volete sapere come andrà a finire? Dovrebbe farcela Casini".

Una previsione non banale se è vero come è vero che in molti hanno notato che l'ex presidente della Camera sia da tempo sparito dai radar mediatici: niente interviste, niente apparizioni Tv, niente partecipazioni a convegni o dibattiti.

Un particolare non sfuggito anche alle Iene che la scorsa settimana hanno "stanato" Casini e provato a stuzzicarlo sentendosi rispondere un gentile quanto banale e inflazionato: "Buon Natale".

La profezia del Senatur si avvererà? Di sicuro Casini è un nome che raccoglie consensi a Destra e a Sinistra e proprio davanti alle telecamere de Le Iene anche Salvini e Renzi hanno confermato che la sua è una buona candidatura.