Politica
ancora tensione

Decreto Green pass, estensione solo per mense scolastiche e pulizie (per ora). E la Lega vota altri emendamenti di Fratelli d'Italia

Altra giornata di "passione" in Parlamento sul Dl Covid.

Decreto Green pass, estensione solo per mense scolastiche e pulizie (per ora). E la Lega vota altri emendamenti di Fratelli d'Italia
Politica 08 Settembre 2021 ore 14:39

Continua a essere alta la tensione sul Decreto Green pass. Dopo la giornata convulsa di martedì 7 settembre 2021, con il ritiro degli emendamenti della maggioranza e il voto favorevole della Lega in serata alle richieste di modifica presentate da Fratelli d'Italia, oggi, mercoledì 8 settembre, la tensione non si allenta. Anzi...

Decreto Green pass, altra giornata di tensione

Dopo le polemiche di ieri sera, stamattina a gettare benzina sul fuoco è stato il leader leghista Matteo Salvini, a margine della sua visita al Supersalone di Rho Fiera. 

"Ho parlato con il presidente Draghi, non risulta nessuna estensione di green pass a tutti i lavoratori del pubblico e del privato, a differenza di quello che ho letto su qualche giornale e quindi questo mi conforta".

"Siamo pronti a discutere di tutto, se qualcuno vuole inserire l'obbligo vaccinale deve anche inserire il risarcimento per eventuali danni. L'obbligo avrebbe il risultato contrario: spaventerebbe e aumenterebbe i dubbi".

Intanto, sembra prevalere la linea attendista. Giovedì 9 settembre non sarebbe prevista alcuna cabina di regia e l'estensione del Green pass dovrebbe passare dal Consiglio dei ministri e riguardare soltanto  le ditte di pulizia che operano nelle scuole e il personale delle mense scolastiche. 

Nuovi emendamenti e nuove tensioni

La Camera ha respinto   l'emendamento di FdI al Decreto legge  Covid sulla esenzione del Green pass per i minorenni. Sono stati infatti 267 i contrari, a fronte di 131 favorevoli.

"Voti favorevoli largamente inferiori alla maggioranza assoluta. Molti evidentemente si sono vergognati e sono usciti per non votare. Rimane solo prossimo emendamento a scrutinio segreto", ha detto Claudio Borghi della Lega.