Glocal news
corsa agli acquisti

Partiti i saldi invernali 2022: le date in Toscana

La Regione ha già fissato anche la data d'inizio per le svendite estive.

Partiti i saldi invernali 2022: le date in Toscana
Glocal news 10 Gennaio 2022 ore 07:30

In Toscana i saldi invernali  2022 sono iniziati mercoledì 5 gennaio 2022 e dureranno per quarantacinque giorni, terminando venerdì 18 febbraio 2022. Lo ha ufficialmente comunicato la Regione.

Saldi invernali 2022 in Toscana

In Toscana i saldi invernali hanno preso il via il 5 gennaio 2022 (primo giorno feriale antecedente l’Epifania) e, per quanto riguarda i saldi estivi, la data fissata è il 2 luglio 2022 (primo sabato del mese di luglio). La durata è di sessanta giorni e saranno vietate le vendite promozionali nei trenta giorni precedenti i saldi.

La Regione Toscana ha approvato una Delibera di Giunta che conferma l'intesa del 24 marzo 2011 sugli "Indirizzi unitari delle Regioni sull’individuazione della data di inizio delle vendite di fine stagione" (aggiornata con quella del 7 luglio 2016). Il motivo è quello di tutelare la concorrenza nelle zone di confine tra Regioni e di fornire agli operatori una data certa comune.

LEGGI ANCHE: Saldi e Covid, le regole per gli acquisti in sicurezza

 L'accordo tra Regioni

Nello stesso giorno sono iniziati anche nelle Regioni del Nord (Piemonte, Liguria, Lombardia e Veneto) con le quali è stato concordato di allineare la data d’inizio a tutela della concorrenza, ma anche per scongiurare flussi anomali da una regione all’altra che avrebbero creato problemi di assembramento.

Permane il divieto di avviare vendite promozionali nei 30 giorni precedenti al via ufficiale dei saldi invernali 2022.

“In Conferenza Regioni abbiamo stabilito di darci regole unitarie in modo da tutelare la concorrenza nelle zone di confine e fornire agli operatori una data certa comune -  commenta l’assessore al commercio della Toscana, Leonardo Marras – Non ci saranno inoltre deroghe, motivate l’anno scorso per via delle restrizioni imposte dalla diffusione della pandemia da coronavirus”.