Glocal news
non è la prima volta...

L'ultima dello youtuber Social Boom: si finge diabetico per entrare a una fiera col Green pass... di un altro

Incastrato dalla sua stessa boria, gli agenti lo fermano proprio mentre è ancora in diretta social, dopo essersi vantato dell'ingresso abusivo.

L'ultima dello youtuber Social Boom:  si finge diabetico per entrare a una fiera col Green pass... di un altro
Glocal news 16 Novembre 2021 ore 14:18

Come si dice, "chi non muore si rivede".  Ma andrebbe bene anche "non c'è limite al peggio".  Il nome  Social Boom potrebbe riportarvi alla mente ricordi della prima zona rossa, quando un giovane e poco conosciuto youtuber si era vantato sui social di essere riuscito a entrare nel Lodigiano nonostante i rigorosi controlli posti in essere e fine febbraio per limitare la prima ondata Covid. La notizia è risultata poi essere falsa, ma utile a procurargli una denuncia per  pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico. E anche un po' di notorietà, che per chi vuole farsi strada sui social network non fa mai male...

Francesco Belardi, 25 anni, in arte  Social Boom, si è ora aggiudicato un'altra denuncia per essere entrato alla Milan Games Week con Green pass falso, senza biglietto e fingendosi diabetico.

Entra alla Milan Games Week con Green pass falso e si vanta sui social

Come racconta Prima Milano, lo youtuber ha passato i primi controlli esibendo un Green pass falso ( o meglio, di qualcun altro che "non ne sapeva nulla"), raccontando tutto in diretta sui social. Poi si è finto diabetico per poter accedere alla Milan Games Week superando così anche l'ultimo controllo, sbandierando sempre tutto sui social in tempo reale.

"E si gode Bro, si gode e non poco. Ok, adesso c'è un altro controllo, l'ultimo, quello più complicato, qua raga dobbiamo fare un attimo la giocata. Se riusciamo a fare la giocata qua però siamo dentro."

Social Boom arriva così all'ultimo controllo, dove gli viene chiesto se ha già mostrato il Green pass, e lui con nonchalance risponde "Sì, ma sono andato un attimo in macchina per prendere l'insulina perché son diabetico, non sapevo che non si poteva rientrare". Una scusa che, con leggerezza da parte di chi doveva controllare, gli permette di accedere alla fiera.

Fermato dalla Polizia mentre si vanta in diretta

"E si gode raga, e siamo dentro, siamo dentro. Raga ve l'ho detto le persone nascono con due doti, i muscoli o il cervello, io non c'ho nessuno dei due ma sono creativo".

Quando qualcuno gli chiede un selfie lui risponde indaffarato "Sì però veloce bro che ho appena fatto l'entrata abusiva, ho finto di essere diabetico" e continua a sbandierare a voce alta la sua bravata, finché non viene fermato dagli agenti che dopo essersi qualificati gli chiedono di spegnere il telefono.

Cessa così la diretta dello youtuber, grazie alla quale la Polizia è riuscita a identificarlo, proprio su segnalazione di chi lo aveva sentito vantarsi del suo accesso senza Green pass.

Denunciato (ancora) e sanzionato

Belardi agli Agenti ha dichiarato di essere la persona indicata nel Green pass mostrato all'ingresso, senza però fornire alcun documento che confermasse tale affermazione e dichiarando loro solo nome e cognome e nessun’altra generalità.

Grazie a ciò lo youtuber è stato denunciato all’autorità giudiziaria per sostituzione di persona e falsa dichiarazione a pubblico ufficiale sull’identità. Il 25enne è stato anche sanzionato per le norme anti-Covid, essendo sprovvisto di Green pass.

"Chi mi ha denunciato è un infame"

In una diretta su Twitch per spiegare ciò che è successo ha definito infame chi lo ha denunciato:

"Letteralmente oggi mi hanno messo dentro. Quello che è successo credo sia una roba da Barbara D'Urso, più di quello che è successo a Codogno. A questo giro di chi è la colpa? Di un infame tra di voi.

Arriviamo al Games week, il problema non è stato il biglietto, che non ce l'aveva nessuno. il problema è stato il Green pass perché sono stato un coglione e ho fatto una gran cazzata: vi faccio vedere il momento in cui sono arrivati i poliziotti in borghese per chi se lo fosse perso. Mi ritrovo con due agenti di polizia che ci fermano e ci fanno un controllo perché uno della chat ha chiamato la Polizia e ha detto che questa persona aveva un Green pass finto, documenti falsi e non ha pagato il biglietto. Io capisco finché si ride e si scherza, queste son le robe da infami raga. Ci sta ridere e scherzare ma c'è un limite alle cose, dai lo sapete è una roba che non fa del male a nessuno. E' sicuramente sbagliato, ammetto le mie colpe e sono stato un cogli*ne, però è da infami fare una cosa simile. A me personalmente non interessa, perché tu che fai una cosa del genere non sei una persona appagata dalla vita. "

"Questi poliziotti mi fermano e avevo un Green pass che non era mio ma di un'altra persona, che non ne sapeva nulla, per questo sono stato denunciato anche per furto di identità e sostituzione di persona".