Glocal news
la "furbetta" di turno

Vuole entrare all'asilo del figlio con il Green pass di un altro genitore: scoperta e denunciata

E' stata pure denunciata per sostituzione di persona.

Vuole entrare all'asilo del figlio con il Green pass di un altro genitore: scoperta e denunciata
Glocal news 01 Ottobre 2021 ore 12:48

Il Green pass è obbligatorio per le scuole, non solo per insegnanti e personale, ma anche per i genitori. E chi non ce l'ha, come può fare? Una mamma di Mestre ha pensato di aggirare i controlli con una "furbata". Ma è stata beccata.

"Ruba" il Green pass di un altro genitore per entrare all'asilo

L'episodio raccontato da Prima Venezia risale a giovedì 30 settembre 2021. Una mamma ha accompagnato il figlio all'asilo nido comunale e per entrare con lui ha mostrato il Green pass all'ausiliaria. Peccato che il certificato non fosse suo... Approfittando della confusione dovuta all'ingresso di numerose persone in contemporanea, ha approfittato per mostrare il "lasciapassare" farlocco. La bidella in un primo momento è stata presa alla sprovvista, ma poi si è subito ricordata - dato che la notizia a scuola è nota - che la mamma in questione non è dotata di Green pass.

Denunciata  per sostituzione di persona

quando ha realizzato cosa era successo  ha subito contattato la dirigente scolastica che ha provveduto a segnalare l’accaduto alla Polizia Municipale. Sul posto sono giunti gli agenti che hanno provveduto a ricostruire l’intera vicenda dopo aver raccolto le testimonianze della bidella e di altre persone. La donna è stata quindi denunciata per sostituzione di persona. Rimane da capire se il Green pass sia  stato ceduto volontariamente da un altro genitore oppure se sia stato "rubato" dalla donna.

Cosa dice la norma

Il decreto che prevede la presentazione obbligatoria del Green pass per accedere alle scuole è stato approvato all'inizio di settembre (insieme all'obbligo vaccinale per il personale delle Rsa, che scatterà dal 10 ottobre). Vale per tutto il personale, sia della scuola sia delle aziende che ci lavorano (ditte di pulizie, mensa), e anche per i genitori che quando accedono all'istituto per accompagnare i figli o per i colloqui con i docenti devono essere dotati di certificato. Una situazione che ha creato qualche attrito con i presidi, che in più occasioni hanno lamentato la difficoltà nella gestione della normativa.