Economia
Il colosso alza le mani

Sanpellegrino mette in solidarietà i suoi operai, manca l'anidride carbonica

Dopo uno stop di due giorni a settembre il tentativo di far fronte alla carenza di materie prime è andato in fumo nelle ultime ore.

Sanpellegrino mette in solidarietà i suoi operai, manca l'anidride carbonica
Economia 17 Settembre 2022 ore 11:38

Sanpellegrino, storica azienda nostrana di produzione di acque minerali e bevande, si trova costretta a mettere in solidarietà gli operai. Il motivo? Manca l'anidride carbonica - necessaria per la produzione delle acque minerali - e non solo...all'appello non figurano neppure i container per l’esportazione. Ennesimo caso di crisi indotta dalla difficoltà di reperimento delle materie prime.

Per le stesse ragioni la Sanpellegrino era stata costretta a fermare la produzione per due giorni, il 15 e il 16 settembre scorsi, salvo poi tentare di rialzare la testa. Nelle ultime ore si è ricorsi al contratto di solidarietà per gli operai. Il caro-materie prime comincia così a ripercuotersi sulla tenuta occupazionale delle imprese.

La solidarietà

Nello stabilimento bergamasco di Ruspino sono impiegati oltre 500 addetti: per 306 di questi è scattato un periodo di sei mesi di contratto di solidarietà, per loro si profila una riduzione significativa dell’orario di lavoro. L’azienda però - fanno sapere la Flai-Cgil, la Fai-Cisl e la Uila-Uil - ha promesso di integrare l’indennità dell’Inps in modo che in busta paga i lavoratori arrivino a ricevere il 90% della loro precedente retribuzione. Ma per quanto tempo si potrà sostenere?

Cronaca di uno stop annunciato

A inizio luglio Acqua Sant'Anna, il più grosso produttore europeo di acque oligominerali con sede nel Cuneese, aveva dovuto fermare le linee di produzione dei suoi articoli gasati a causa della mancanza di CO2, l'anidride carbonica fondamentale per realizzare acqua frizzante.

Da lì la situazione è andata peggiorando. Gli effetti della carenza di anidride carbonica per uso alimentare si sono riversati nella vita di tutti i giorni: sugli scaffali di molti supermercati italiani sono scomparse le bottiglie di acqua frizzante per lunghi periodi.

Successivamente, a"cadere", è stato un colosso come la Sanpellegrino che ha chiuso il suo stabilimento di Ruspino, a San Pellegrino Terme, per due giorni. Come racconta Prima Bergamo, giovedì 15 e venerdì 16 settembre porte chiuse e dipendenti in permesso retribuito. La società aveva fatto sapere in una nota stampa che, nonostante il generalizzato problema della carenza di materie prime che coinvolge tutti i settori e il protrarsi della situazione di estrema difficoltà dei produttori di CO2, l'azienda avrebbe continuato a ricercare nuove linee di approvvigionamento con l'obiettivo di ritornare il prima possibile al normale flusso di produzione.

Nelle ultime ore la resa.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter