Cultura
"Mai sostenuto Putin"

Anastasia, mezzosoprano russo a Verona: “Provo vergogna per questa orribile guerra”

"Essendo nata a Mosca, non riesco a non sentirmi in colpa e cerco invano di trovare delle giustificazioni a questo folle attacco deciso dal dittatore russo".

Anastasia, mezzosoprano russo a Verona: “Provo vergogna per questa orribile guerra”
Cultura 10 Marzo 2022 ore 15:23

Anastasia Boldyreva nata a Mosca, è uno dei mezzosoprani più interessanti della sua generazione, che sta collaborando con il Teatro Filarmonico di Verona: l'artista ha ammesso di "provare vergogna" per questa guerra.

La mezzosoprano russa: "Mi vergogno"

Come racconta Prima Verona, Boldyreva si è esibita nei maggiori palcoscenici italiani, in agosto 2016, ha debuttato nel ruolo di Carmen all’Arena di Verona, sotto la direzione di Xu Zhong e Julian Kovatchev, regia di Franco Zeffirelli e quello di Amneris in Aida, sotto la direzione di Daniel Oren e Andrea Battistoni. In questi giorni ha deciso di esternare il suo dolore per questa guerra scrivendo sui social:

"Lavorare durante questa tragica guerra è davvero difficile. Provare a divertirsi, qui presso il Teatro Filarmonico di Verona, mi crea profondo imbarazzo. Ho la sensazione di non dover godere: un attimo prima di entrare in palcoscenico, il mio pensiero va verso quello che sta succedendo in Ucraina e alle vittime di questo orrore. Essendo nata a Mosca, non riesco a non sentirmi in colpa e cerco invano di trovare delle giustificazioni a questo folle attacco deciso dal dittatore russo. Ho lasciato il mio paese d’origine quasi 20 anni fa ed oggi mi sento italiana, cittadina del mondo, sebbene legata alla cultura russa, alla nostra bella lingua, ai grandi artisti, scrittori, poeti e musicisti che ci hanno fatto amare dal mondo intero".

E poi ha aggiuntoio:

"Non ho mai condiviso la politica di Putin, nemmeno quando ci sembrava normale, non l’ho mai votato e non ho mai pensato che facesse cose giuste per il mio paese. Allora, mi domando perché, in questi giorni, mi sento responsabile e provo vergogna per questa orribile guerra fratricida, che in Russia non viene neanche chiamata col suo vero nome. Oggi, camminando per le vie di Verona, il pensiero era fisso sulle vittime innocenti e gli amici ucraini che stanno soffrendo per questa tragedia voluta da un despota, oramai in preda a un delirio che mi è incomprensibile…".

Il ballerino fuggito dal Bolshoi

La sua presa di posizione fa il paio con quella del pavese Jacopo Tissi, 27 anni, che a dicembre era stato nominato primo ballerino al Bolshoi di Mosca. Ma a seguito dei recenti avvenimenti ha invece scelto di rinunciare al sogno di una vita, lasciando l'incarico tanto inseguito. 

"È difficile trovare le parole in questi giorni,
tutti i momenti che ho vissuto fino ad ora e i tanti pensieri che mi girano per la testa.
Sono scioccato da questa situazione che ci ha colpito da un giorno all'altro e, onestamente, per il momento, mi ritrovo impossibilitato a continuare la mia carriera a Mosca", scrive su Instagram.

"Non riesco a descrivere quanto sia stato triste per me lasciare i miei insegnanti, i miei colleghi e amici; persone speciali che mi hanno fatto crescere come artista e come persona a cui sono e sarò sempre grato.
Come essere umano provo empatia verso tutte le persone e le loro famiglie che stanno soffrendo.
Nessuna guerra può essere giustificata. Mai.
e io sarò sempre contro ogni tipo di violenza.
Non possiamo lasciare che l'odio si diffonda, anzi, il nostro mondo dovrebbe essere pieno di armonia, pace, comprensione e rispetto.
Spero davvero e prego che tutte le guerre e sofferenze cessino al più presto".

 

Crisi Russia-Ucraina: vai allo speciale

SPECIALE CRISI RUSSIA-UCRAINA: clicca sull'immagine e vai agli articoli

 

Seguici sui nostri canali