Cronaca
SONO MORTI DUE GIOVANI

Tragedia di Reggio Emilia, arrestato il conducente dell'autocarro

Si tratta di un uomo di 39 anni che ha rifiutato l'alcol test. Era con patente sospesa, già pizzicato in estate in guida in stato di ebbrezza

Tragedia di Reggio Emilia, arrestato il conducente dell'autocarro
Guastalla Aggiornamento:

È stato rintracciato e arrestato dai carabinieri di Guastalla in provincia di Reggio Emilia il presunto conducente dell'autocarro che ieri sera, venerdì 17 novembre, è fuggito dopo aver perso il carico di impalcature dal suo camion.

Un tragico imprevisto che ha travolto tre auto causando due morti, un ferito gravissimo e altri quattro feriti che fortunatamente sono in condizioni meno gravi.

Perde il carico, la tragedia, fugge: arrestato

Da quanto si è potuto apprendere dalle fonti investigative si tratterebbe di un uomo di 39 anni residente nel Reggiano.

Una volta rintracciato, il conducente dell'automezzo si sarebbe rifiutato di sottoporsi all'alcol-test.

Ma non solo. Sempre secondo si è appreso dagli inquirenti, il 39enne si sarebbe trovato alla guida dell'autocarro con patente sospesa: gli era stata ritirata ad agosto sempre per guida in stato d'ebbrezza.

Le accuse mosse verso il conducente

Il conducente dell'autocarro è ora accusato di omicidio stradale, lesioni personali gravissime e fuga da incidente in caso di omicidio e lesioni, ed è ora a disposizione della Procura.

All'uomo, residente a Montecchio Emilia (un Comune di poco più di 10mila abitanti in provincia di Reggio Emilia), come detto è stata contestata anche la guida in stato d'ebbrezza, essendosi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti, e guida con patente sospesa.

L'incidente, cosa era accaduto

Come ormai tristemente noto, l'incidente è avvenuto ieri, venerdì 17 novembre, nel tardo pomeriggio, intorno alle 18.30, sulla provinciale 111 in località Caprara, nel comune reggiano di Campegine.

Lungo quel tratto, l'autocarro, per cause ancora da chiarire e che sono al vaglio degli inquirenti, ha perso il suo carico di componenti d'acciaio per ponteggi edili, che ha travolto un'auto e colpito altre due.

La tragedia, morti due giovanissimi

La prima, una Citroen Picasso, che viaggiava in senso opposto, è rimasta schiacciata e dei suoi tre giovani occupanti, tutti residenti a Reggio Emilia, due sono morti: il conducente di 19 anni e l'amico di 21.

L'altro 21enne a bordo è gravemente ferito e si trova in prognosi riservata in ospedale a Parma.

Il carico ha investito anche altre due auto, una Bmw con il conducente rimasto illeso e una Peugeot 208 con quattro persone a bordo, lievemente ferite. Oltre ai carabinieri sono intervenuti il 118 e i vigili del fuoco.

La fuga e le caccia all'uomo dei Carabinieri

Dopo il violento impatto l'autocarro è fuggito ma i Carabinieri di Guastalla, anche grazie alla visione di filmati dei varchi per la lettura delle targhe, sono riusciti a localizzarlo e a rintracciare l'autista che si era dato alla fuga come molto spesso accade in situazioni dove non si è in regola con la legge, in questo caso addirittura avendo causato due morti.

Il 39enne è stato arrestato e l'autocarro sequestrato.

Le salme delle due giovani vittime sono state messe a disposizione della Procura di Reggio Emilia.

Seguici sui nostri canali