Cronaca
Il filmato shock

Rissa tra ragazzine fuori da scuola mentre i compagni filmano tutto e fanno il tifo: il video

Succede a Orzinuovi (Brescia): l'appuntamento, gli insulti e le botte. Con la folla che grida "rissa, rissa, rissa".

Cronaca 20 Settembre 2022 ore 17:11

rissa scuola orzinuovi

Un vero e proprio regolamento di conti, con appuntamento fuori dalla scuola. Poi gli insulti, le spinte e infine le botte. Il tutto con il "pubblico" che fomentava la violenza urlando "rissa, rissa, rissa" e che filmava lo scontro. Il video - come purtroppo spesso accade in questi casi - è iniziato poi a circolare nelle chat passando di cellulare in cellulare. Una vicenda che fa riflettere quella accaduta a Orzinuovi, in provincia di Brescia.

Rissa tra ragazzine fuori da scuola

Non è la prima volta che accade, e purtroppo non sarà l'ultima. Come racconta Prima Brescia, a Orzinuovi spopola il video di una rissa tra due ragazzine fuori da scuola.

IL VIDEO SHOCK:

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, le due ragazzine (che sarebbero entrambe minorenni) avevano avuto un diverbio all'interno della scuola, l'istituto superiore Grazio Cossali, forse a causa di qualche screzio avvenuto nei giorni precedenti. A quel punto si erano date appuntamento all'esterno per affrontarsi e farla finita una volta per tutte. Attorno a loro, come in un rito tribale, decine di altri studenti, che le incitavano al grido "rissa, rissa, rissa".

Nel video si vede un diverbio piuttosto teatrale, con gli insulti e poi le botte, con schiaffi e pugni in faccia.

L'intervento del preside

A bloccare tutto è intervenuto fortunatamente il preside, supportato da alcuni docenti. In seguito sono arrivati anche i Carabinieri della caserma di Orzinuovi.

All'arrivo degli insegnanti e dei militari, la folla si è dispersa. Anche una delle due protagoniste se ne è andata, mentre l'altra è tornata a casa col naso sanguinante. I Carabinieri hanno ascoltato le testimonianze dei presenti, ma non hanno ravvisato gli estremi per procedere d'ufficio. Servirà dunque una querela di parte, che al momento non è ancora stata sporta.

Da parte delle scuola - per la delicatezza della situazione - non sono stati fatti commenti. Ma in paese (e non solo) la vicenda tiene banco e spaventa. Perché purtroppo di scene del genere se ne vedono sempre di più, e sarebbe opportuno riflettere sul perché.

 

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter