Da Prima Torino

Rapina il tabaccaio "di fiducia": sei colpi in un mese (a volto scoperto)

Spavaldo e a volto scoperto, minacciava il titolare di ridurlo in sedia a rotelle

Pubblicato:

Qualunque fumatore ha un suo tabaccaio "di fiducia". Così come ciascuno di noi ha i suoi negozi preferiti, quelli dove ama rifornirsi sempre. Così anche un rapinatore torinese, che ha colpito nella stessa tabaccheria per ben sei volte in un mese, per di più a volto scoperto.

Sei rapine allo stesso tabaccaio

Decisiva è stata l'ultima rapina ai danni della tabaccheria del capoluogo piemontese. Come racconta Prima Torino, il giovane - 27enne italiano - è entrato a volto scoperto, minacciando il proprietario del negozio.

Il video della rapina:

La rapina, però, è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza del locale, che mostrano il giovane bandito entrare spavaldo, con il volto coperto solo da un paio di occhiali da sole. Un dettaglio che ha permesso di identificarlo.

Il 27enne inoltre è sospettato di essere responsabile di altre cinque rapine avvenute nello stesso esercizio commerciale nel mese di maggio.

"Ti riduco in sedia a rotelle"

Sebbene non fosse visibilmente armato, il giovane delinquente faceva chiaramente intendere di possedere un'arma, minacciando di "ridurre in sedia a rotelle" la vittima se non avesse consegnato l'incasso.

In un'occasione precedente, l'uomo aveva finto di avere dell'acido con cui avrebbe potuto sfregiare il tabaccaio, e in un'altra ha minacciato di incendiare l'attività se le sue richieste non fossero state soddisfatte.

Due settimane di chiusura per le rapine

I colpi messi a segno hanno fruttato al rapinatore un bottino complessivo di circa 2mila euro in contanti e numerose stecche di sigarette.

La frequenza e l'audacia delle rapine - tre delle quali avvenute nel giro di 24 ore - avevano anche costretto il tabaccaio a chiudere temporaneamente l'attività per circa due settimane. Alla riapertura, tuttavia, le rapine sono riprese, finché la polizia non è intervenuta arrestando il sospetto in flagranza di reato.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali