Cronaca
EPISODIO CHE FA RIFLETTERE

Lavavetri molesto pulisce lo stesso il parabrezza, lei non gli dà i soldi e lui le sfascia il lunotto

Il 20enne è stato arrestato e dai controlli effettuati è emerso che si trovava in Italia senza permesso di soggiorno. Sul suo futuro deciderà il giudice.

Lavavetri molesto pulisce lo stesso il parabrezza, lei non gli dà i soldi e lui le sfascia il lunotto
Cronaca 24 Settembre 2022 ore 12:55

Non gli ha pagato il "lavaggio" del vetro dell'auto, per tutta risposta l'improvvisato lavavetri al semaforo le ha sfasciato il parabrezza dell'auto.

Non gli paga il vetro dell'auto lavato, le sfascia il parabrezza

E' accaduto a Napoli al quartiere Mercato e ora il lavavetri, un 20enne originario del Gambia, irregolare, bloccato dagli agenti dopo una colluttazione, dovrà rispondere di tentata estorsione aggravata, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.

Un fatto emblematico dei nostri giorni. Arrivare in Italia a cercar fortuna, ritrovarsi a un semaforo e con tutta probabilità finire in carcere.

Il rifiuto di pagare, le sfascia il vetro con un bastone

E così quel vetro che poco prima le aveva lavato seppur la donna al volante non avesse acconsentito a quella "premura", il giovane gambiano qualche istante dopo, per rabbia e vendetta, lo ha sfasciato con un bastone che aveva trovato lì vicino.

Il giovane infatti a un semaforo si era offerto di pulire il parabrezza e il lunotto a una macchina di un'anziana automobilista.

La donna non aveva acconsentito e dopo che l'extracomunitario le ha lavato lo stesso il vetro, non gli ha dato alcuna "offerta".

A quel punto si è scatenata la rabbia del giovane che ha sfasciato il vetro dell'auto.

L'arrivo della Polizia, l'arresto del gambiano

Arrivati sul posto, gli agenti della Polizia hanno raccolto la testimonianza della donna e poco distante hanno poi notato la presenza del gambiano.

Lo hanno bloccato e arrestato non senza difficoltà dal momento che l'extracomunitario ha opposto una resistenza decisa, non esitando a sferrare calci e pugni all'indirizzo degli uomini in divisa.

Una volta bloccato, il 20enne è stato arrestato e dai controlli effettuati è emerso che l'extracomunitario era presente sul territorio italiano senza un regolare permesso di soggiorno.

Sul suo futuro ora decideranno i giudici, ma ma si profila decisamente diverso da come quel giovane sognava o si aspettava...

 

Seguici sui nostri canali