Cronaca
senza parole

Delirio No vax sulla morte di David Sassoli: insulti e fake news

I complottisti si sono scatenati sui social, indicando il vaccino anti Covid come responsabile del decesso del politico e giornalista.

Delirio No vax sulla morte di David Sassoli: insulti e fake news
Cronaca 12 Gennaio 2022 ore 11:01

La prematura scomparsa, a soli 65 anni, di David Sassoli ha generato una deriva sconfortante, violenta e squallida: nella giornata di ieri - 11 gennaio 2021, quando si è diffusa la notizia del decesso dell'ex giornalista del Tg 1 e presidente italiano del Parlamento europeo - sui social, ma soprattutto nei gruppi Telegram No vax, hanno iniziato a circolare copiosi messaggi di felicitazioni per il decesso del politico, nonché una cascata di fake news che incolpavano per la morte di Sassoli il vaccino anti Covid.

Delirio No vax strumentalizza la morte di Sassoli

Un delirio collettivo in piena regola, che si appropria di una narrazione che nulla ha a che vedere con la causa che queste frange oltranziste perseverano nel proporre. Una sorta di modalità paranoide, di chi vuole scorgere nell'altro ciò che è propria ossessione. Il problema è che, grazie ai social, il delirio viene alimentato e legittimato dalla presenza di un branco. Senza più pudore, senza traccia di eleganza: caratteristiche che, invece, sono state marchio di fabbrica di David Sassoli che, proprio in nome di quella moderazione e di quell'equilibrio - che l'hanno sempre contraddistinto - aveva scelto di non replicare alle prime accuse dei No vax, che adducevano al vaccino i suoi problemi di salute.

Sassoli è deceduto a seguito del peggioramento delle sue condizioni di salute: dopo aver combattuto contro una grave polmonite, dovuta al batterio della legionella (che lo aveva costretto a interrompere la sua attività politica da settembre all'inizio di novembre). Successivamente, già debilitato, è stato nuovamente ricoverato per una grave complicanza dovuta a una disfunzione del sistema immunitario dal 26 dicembre 2021. Inoltre, dieci anni fa, Sassoli aveva affrontato un mieloma, un tumore del midollo osseo che lo aveva costretto a un trapianto, mettendo già alla prova la sua salute.

Ed è proprio interpretando senza alcuna qualifica o conoscenza il comunicato dei portavoce di Sassoli che ne annunciava la scomparsa che il popolo No vax si è scatenato. E' stato il vaccino! Hanno deciso così.

 

Speculazioni, insulti e la mossa di Mentana

Speculazioni deliranti su Twitter con l'hashtag #nessunacorrelazione hanno posto in relazione la morte del presidente del Parlamento europeo David Sassoli con le peggiori teorie no-vax, tanto da diventare di tendenza. Ecco qualche esempio.

"Strane coincidenze...e chissà quanti Sassoli ci sono in Italia".

"In troppi sono morti per #nessunacorrelazione con il siero mRNA che deprime il sistema immunitario".

"Turbata dalla morte di Sassoli anche perché la 'grave disfunzione del sistema immunitario' è la stessa diagnosi pronunciata per un mio caro subito dopo il vaccino! La comunicazione deve essere più chiara sulle cause della morte".

Ma al peggio non c’è mai fine visto che c’è chi ha letteralmente esultato per la morte del presidente del Parlamento Europeo. Come, per esempio, una certa Roby:

"Ma Sassolini il vaccino non proteggeva dalle conseguenze gravi? Che meraviglia sono tanto felice".

Davanti all'orrore di questo post è sceso in campo Enrico Mentana, che dai suoi seguitissimi account social ha chiesto a follower e polizia postale di aiutarlo a risalire all'identità dietro lo schermo per poterlo/a denunciare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Enrico Mentana (@enricomentana)

Il direttore di La7 ha anche denunciato pubblicamente il video di un celebre imprenditore e attivista No vax, Nicola Franzoni, che ha esultato per la morte di Sassoli.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Enrico Mentana (@enricomentana)

A seminare dubbi su una possibile correlazione tra il vaccino anti-Covid e la morte di Sassoli, anche il filosofo Paolo Becchi - fra i 150 firmatari dell’appello dei docenti universitari contro il Green pass - che sui social ha scritto:

“Rispetto per la morte di David Sassoli. Ma è morto in seguito alla terza dose? Non c’è nessun correlazione? Non rendete pubblica neppure l’autopsia? O non la fate neppure? Costringete la gente a vaccinarsi e a morire. State costruendo una tirannia sanitaria mai esistita prima”.

Ciliegina sulla torta (si fa per dire) il sito Mag24 - che secondo il rapporto 2021 di Newsguard sui disinformatori più influenti si posizione ben all'ottava posizione - titola con un raccapricciante "E' morto l'euro parassita". Insinuando che i problemi immunitari di Sassoli fossero dovuti al vaccino.

LEGGI ANCHE: Chi c'è dietro il sito Mag24

In questo scenario degradante Sassoli avrebbe guardato e sarebbe passato oltre. L'eleganza, purtroppo, resta di pochi.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter