Paura a Macerata

Bus pieno di studenti prende fuoco, autista salva i ragazzi

Il conducente ha notato il fumo nero, ha accostato e fatto scendere tutti pochi istanti prima che le fiamme divorassero il mezzo

Bus pieno di studenti prende fuoco, autista salva i ragazzi
Pubblicato:

All'improvviso ha notato il fumo nero che usciva al retrotreno del suo autobus. Con grande freddezza ha accostato e ha invitato tutti a scendere pochi secondi prima che divampasse un incendio che ha letteralmente devastato il mezzo di trasporto. Paura a Macerata per un bus carico di studenti che ha improvvisamente preso fuoco sabato 3 febbraio 2024.

(foto di copertina archivio)

Autobus prende fuoco, autista salva tutti

Il mezzo della compagnia Apm (Azienda pluriservizi Macerata) stava percorrendo via Spalato e stava per svoltare su Cassiano da Fabriano quando l'autista, guardando nello specchietto retrovisore ha notato il fumo nero che usciva nella parte posteriore del mezzo.

A quel punto, riuscendo a mantenere parecchio sangue freddo, ha accostato a bordo strada e ha invitato tutti i passeggeri a scendere al più presto dal mezzo e a mettersi in salvo. Pochi istanti dopo le fiamme hanno divorato il bus.

Nessun ferito

Sul posto sono immediatamente arrivati i Vigili del fuoco, che in pochi minuti hanno spento l'incendio, che per fortuna non ha causato feriti: sia il conducente che i passeggeri, infatti, sono riusciti a mettersi in salvo prima dello scoppio del rogo.

Bus in fiamme e autisti eroi

Non è il primo caso di autista che riesce con grande freddezza a salvare i passeggeri del suo bus. L'ultimo episodio è recentissimo e risale alunedì 15 gennaio 2024 quando un autobus di servizio sulla linea 319, che collega Firenze con Borgo San Lorenzo, ha improvvisamente preso fuoco. L'incendio è scoppiato nella parte posteriore del pullman che in quel momento stava percorrendo la via Faentina, in località Querciola nel comune di Fiesole.

La conducente del bus, appena notato il fumo uscire dal retro del mezzo, ha interrotto prontamente la corsa facendo scendere i quindici passeggeri presenti a bordo e facendoli allontanare a distanza di sicurezza. Nel frattempo, oltre al fumo erano ormai ben visibili anche le fiamme. Una prontezza di riflessi e una capacità di gestire una situazione complicata che hanno salvato tutti i passeggeri.

Stesso scenario a Venezia sul ponte della Libertà, nell'aprile 2023Il mezzo era partito alle 13.15 di venerdì 21 aprile 2023 da Treviso. Aveva effettuato una sosta a Mestre, dov’erano scesi quasi tutti i passeggeri, ripartendo alla volta di Venezia, con una decina di persone a bordo.

Una volta giunto sul ponte della Libertà a Venezia, però, è scattato l'allarme. A circa metà del ponte, l’autista si è accorto del fumo, per cui ha fermato immediatamente il mezzo, facendo scendere i passeggeri. Lo stesso autista, Demis Giacchetto, ha provato a spegnere le fiamme con l’estintore in dotazione, ma ormai l’incendio aveva iniziato ad avvolgere il mezzo in modo irreparabile.

Il video dell'esplosione del mezzo:

A quel punto è stato indispensabile l'intervento dei Vigili del fuoco, che sono arrivati sul posto in forze per spegnere il rogo.

Tanta paura me nessun ferito

Nessuna persona è fortunatamente rimasta ferita. Completamente distrutto il mezzo. Si tratta di un bus acquistato circa 5 anni fa per una spesa di 250mila euro. Solo una volta che sarà spento l’incendio sarà possibile effettuare l’approfondimento tecnico per capire da dove siano partite le fiamme.

Disagi ovviamente per la viabilità, con il ponte bloccato a lungo in entrambi i sensi di marcia.

WhatsApp-Image-2023-04-21-at-17.09.19
Foto 1 di 3
WhatsApp-Image-2023-04-21-at-17.09.18
Foto 2 di 3
WhatsApp-Image-2023-04-21-at-17.09.18-1
Foto 3 di 3

Le parole dell'autista

Sotto shock, ma felice perché tutto è finito bene, l'autista eroe:

"Mentre percorrevo il Ponte della Libertà ho sentito come un botto: pensavo fosse scoppiata una gomma; guardando dallo specchietto retrovisore, ho visto la fiamma che proveniva dal motore posteriore. A quel punto ho fermato subito il bus, ho fatto scendere i passeggeri, sono anche riuscito ad aprire il vano porta bagagli perché potessero riprendere le loro valigie. Ho dato l’allarme ed ho preso l’estintore in dotazione, ma non c’è stato nulla da fare. Poi sono arrivati i vigili del fuoco".

Clicca qui per l'intervista completa a Demis Giacchetto.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali