Cronaca
Le parole di una delle vittime

Follia ad Assago: il racconto da brividi del difensore del Monza Pablo Marì e dell'ex calciatore che ha disarmato l'aggressore

A disarmare il 46enne Andrea Tombolini è stato Massimo Tarantino, ex calciatore (anche lui con un passato nel Monza).

Follia ad Assago: il racconto da brividi del difensore del Monza Pablo Marì e dell'ex calciatore che ha disarmato l'aggressore
Cronaca 28 Ottobre 2022 ore 11:04

Una vicenda scioccante, per chi l'ha vissuta in prima persona e per chi ha assistito impotente alla follia omicida scatenatasi all'improvviso nel centro commerciale di Assago, dove nel pomeriggio di giovedì 27 ottobre 2022 il 46enne Andrea Tombolini ha accoltellato cinque persone, uccidendone una. Una vicenda ricostruita anche grazie alle parole di un "Vip" rimasto coinvolto nell'agguato, il calciatore del Monza Pablo Marì. E, per una coincidenza, a disarmare l'aggressore è stato un ex giocatore di serie A, Massimo Tarantino.

Follia ad Assago, il racconto del calciatore Pablo Marì

Tra le vittime della folle aggressione consumatasi ad Assago c'è anche il giocatore del Monza, in prestito dall'Arsenal, Pablo Marì. A raccontare le sue sensazioni è stato l'amministratore delegato della società biancorossa Adriano Galliani, che si è recato in ospedale assieme all'allenatore Raffaele Palladino.

Il racconto è da brividi: Marì, come ha riportato Galliani, era insieme alla moglie e aveva il figlioletto nel carrello. Non  si è accorto di nulla, ha sentito "semplicemente" un fortissimo crampo alla schiena. Che invece era il fendente assestatogli da Tombolini. Ancora più scioccante, però, è stato probabilmente vedere l'aggressore accoltellare mortalmente alla gola la vittima, Luis Fernando Ruggieri, 47 anni, origini boliviane, uno dei capi dell’area casse.

Marì sarà sottoposto a un intervento chirurgico, ma non rischia la vita: è stato infatti ferito alla schiena e alla bocca, ma non è stato colpito in organi vitali. Il difensore ha rassicurato il mister sulle sue condizioni, dicendogli che lunedì (il Monza giocherà con il Bologna) sarà pronto per giocare. In realtà potrebbe essere dimesso entro pochi giorni, ma per lui si profila un lungo stop, almeno un paio di mesi. Intanto il Monza ha chiesto di poter rinviare la partita, come ha spiegato l'Ad Adriano Galliani:

"La squadra è sotto shock".

La richiesta è stata però rigettata dalla Lega Calcio. Lunedì si gioca regolarmente.

1
Foto 1 di 5
2
Foto 2 di 5
3
Foto 3 di 5
4
Foto 4 di 5
assago folle centro commerciale
Foto 5 di 5

Un ex calciatore ha disarmato il folle

Per un'incredibile coincidenza, un altro calciatore è stato coinvolto nell'agguato. Si tratta di Massimo Tarantino, 51  anni, ex difensore di Inter, Napoli, Bologna e proprio del Monza. Anche per lui sono stati momenti concitati.

"Urlava, urlava e basta", ha raccontato davanti alle telecamere subito dopo l'aggressione.

Massimo Tarantino

Tarantino, palermitano d'origine,  ha giocato dal 1989 al 1996 a Napoli (con due prestiti a Monza e Barletta), poi mezza stagione all'Inter segnata da un brutto infortunio, e in seguito cinque a Bologna. Ha chiuso la carriera con le esperienze a Como, Trieste e Pavia. Oggi è un dirigente sportivo con esperienze a Bologna, Roma e Spal.

Il giorno dopo, un'atmosfera del tutto diversa al Carrefour di Assago: il lutto il cordoglio dopo la tragedia raccontati da Prima Monza e l'intervento video del comandante della Compagnia dei carabinieri di Corsico

 

Seguici sui nostri canali