Cronaca
Violenza extra-campo

Ancora scontri tra ultras: Paganese-Casertana finisce con un pullman incendiato

Mentre qui da noi risolvono le diatribe ancora alla "vecchia maniera", in Germania due tifoserie si sono scontrate a colpi di... palle di neve

Cronaca 23 Gennaio 2023 ore 10:25

A due settimane esatte dagli scontri all'autogrill di Badia al Pino (Arezzo) tra tifosi di Roma e Napoli che hanno completamente bloccato il traffico sull'autostrada A1, la storia si ripete. A fronteggiarsi, questa volta, non sono stati gli ultras di due squadre di Serie A, il massimo campionato di calcio della nostra Penisola, ma bensì le tifoserie campane di Paganese e Casertana che militano nel lega minore di Serie D. L'acceso confronto campanilistico ed extra-calcistico è andato in scena domenica 22 gennaio 2023  a Pagani (Salerno). I video sono circolati in lungo e in largo sui social media e il tafferuglio si è addirittura concluso con un pullman incendiato.

Paganese-Casertana, scontri tra ultras: un pullman incendiato

Anche la scorsa domenica, 22 gennaio 2023, sarà ricordata nel nostro Paese come un momento di violenza tra due tifoserie di calcio, protagoniste di un acceso tafferuglio extra-campo.

I fatti sono avvenuti a Pagani, Comune in provincia di Salerno e più precisamente all'incrocio tra via San Domenico e via Leopardi, non molto lontano dallo stadio Marcello Torre.

In questa zona, poco prima del calcio d'inizio di Paganese-Casertana, partita valevole per il girone G del campionato  di Serie D, si sono incrociati gli ultras delle due squadre, entrambe campane, i quali, una volta faccia a faccia hanno dato il via a  un violento confronto tra tifoserie a colpi di mazza. Proprio come era accaduto sull'A1 tra supporters di Roma e Napoli, anche questa volta tantissimi sono stati i filmati ripresi col cellulare dai presenti, caricati poi sui social media e diventati virali in pochissimo tempo.

In mezzo ai disordini tra ultras, che hanno anche reso necessario l'intervento dei carabinieri, uno dei pullman che trasportava 50 tifosi della Casertana, squadra ospite, all'improvviso, raggiunto da un oggetto esplosivo, è andato letteralmente in fiamme, coi passeggeri fatti scendere in fretta e furia prima che la situazione degenerasse completamente.

A quel punto, il fuggi fuggi è stato inevitabile. Gli ultras si sono dispersi nelle strade limitrofe, con i militari dell'Arma che hanno tentato il più possibile di fermarli e identificarli. Sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore.

Il rogo del pullman, purtroppo, ha colpito anche la parte esterna di una palazzina, ed è stato sedato dai Vigili del fuoco.

"Questa è casa mia a Pagani dove hanno incendiato il pullman dei tifosi casertani - ha spiegato una delle residenti della palazzina in fiamme - Chi mi pagherà i danni? Sono rimasta al momento senza casa e con un balcone che sta cedendo, senza corrente, senza caldaia, senza gas, tutto saltato".

FnFx1-lWQAAwZp5
Foto 1 di 6
FnGYqhCWQAMzPb_
Foto 2 di 6
Immagine 2023-01-23 091411
Foto 3 di 6
FnGWaW6XEAE-6rl
Foto 4 di 6
Immagine 2023-01-23 091428
Foto 5 di 6
Immagine 2023-01-23 095117
Foto 6 di 6

Nonostante tutto, il match tra Paganese e Casertana è stato regolarmente disputato alle 15,30, con i padroni di casa che si sono imposti per 2-1 sugli ospiti.

Le reazioni politiche

Le prime reazioni politiche sull'ennesima vicenda di violenza tra ultras sono arrivate inizialmente da Francesco Emilio Borrelli, deputato di Alleanza Verdi-Sinistra:

"L'ennesima vergogna a poche settimane dalla guerriglia fra tifosi del Napoli e quelli della Roma. Purtroppo certa gentaglia proprio non vuol imparare. Arrivare alla violenza per motivi calcistici è da barbari, chiediamo che i responsabili vengano individuati e assicurati alla giustizia. Guai a fargliela cavare con un semplice Daspo, devono andare in galera".

Durissimo anche il commento di Gimmi Cangiano, parlamentare casertano di Fratelli d'Italia:

"Quanto accaduto nel pomeriggio di oggi a Pagani, poco prima dell'inizio della partita di calcio tra i padroni di casa e la Casertana é a dir poco assurdo e senza alcuna logica. Dare alle fiamme un pullman e far diventare le strade di una città un campo di battaglia è qualcosa di gravissimo, soprattutto se si pensa che a partecipare alla manifestazione sportiva c'erano intere famiglie con bambini. Non è concepibile il comportamento di uno sparuto gruppo di persone, che con il loro insano modo di agire rischiano di trasformare una giornata di festa e di sport in una vera tragedia. Confidiamo nell'operato delle forze dell'ordine, affinché facciano chiarezza su quanto accaduto a Pagani e assicurino alla giustizia gli autori di reati così gravi".

Anche il Viminale, tuttavia, non ha preso sotto gamba la situazione.

"Il Ministero dell'Interno esaminerà già da domani i gravi fatti sfociati nelle violenze avvenute in occasione della partita Paganese-Casertana. Il Viminale è pronto a procedere con massimo rigore nei confronti dei responsabili degli incidenti e delle due tifoserie, ma verrà sviluppata anche una approfondita riflessione circa i criteri con cui sarà, d'ora in avanti, consentito lo svolgimento di partite considerabili a rischio anche nelle serie minori".

In Germania, invece, gli ultras si prendono a palle di neve

Proprio nel giorno degli scontri a Pagani tra ultras della Paganese e della Casertana, giunge dall'estero un altro filmato che ha a che vedere con le tifoserie di due squadre di calcio. In questo caso, però, nella loro rivalità la violenza è stata ridotta a zero.

Siamo a Norimberga (Germania). Protagonisti della vicenda sono stati i supporters del Fc Nurnberg e dello Sparta Praga. Seduti in due settori adiacenti, i tifosi delle due squadre si sono confrontati animatamente... ma a colpi di palle di neve. Qui di seguito il video della loro "battaglia".

"Gli ultras sono pericolosi e violenti tifosi" scrive ironicamente la pagina social Troll Football. Scherzi a parte, forse farebbe meglio a passare nella nostra Penisola dove la violenza, purtroppo per noi, pare non aver ancora trovato fine.

Seguici sui nostri canali