Attualità
ritirata la circolare

Scuola, clamoroso dietrofront: restano in vigore le vecchie regole, niente Dad con un solo positivo in classe

Messi a disposizione delle Asl nuovi strumenti per il tracciamento.

Scuola, clamoroso dietrofront: restano in vigore le vecchie regole, niente Dad con un solo positivo in classe
Attualità 30 Novembre 2021 ore 18:36

A meno di 24 ore dalla circolare che modificava le norme  sulla quarantena a scuola, c'è un nuovo cambio di rotta. Tornano le "vecchie" regole.

Scuola, si cambia ancora: la circolare di lunedì...

Da poche settimane (l'8 novembre, per la precisione) erano state approvate regole univoche per tutte le scuole, che prevedevano il passaggio in Dad con tre studenti positivi dalla seconda media in su. Ma nella serata di lunedì 29 novembre 2021 era scattato il primo cambio di rotta. Attorno alle 22  il capo dipartimento del Ministero della Salute, in accordo col Ministero dell'Istruzione, ha firmato una circolare che sancisce la quarantena e il conseguente ritorno alla Dad per tutte le classi che avessero registrato anche un solo positivo.

Questo ciò che recita la circolare del Ministero della Salute:

"Ultimamente si sta assistendo ad un aumento rapido e generalizzato del numero di nuovi casi di infezione da SARS-CoV-2, anche in età scolare, con una incidenza (casi/popolazione) settimanale ancora in crescita e pari a 125 per 100.000 abitanti (19/11/2021 – 25/11/2021): valore ben lontano dal quello ottimale di 50 per 100.000, utile per un corretto tracciamento dei casi. In considerazione del fatto che le indicazioni contenute nel documento allegato alla sopra citata Circolare erano state assunte con riferimento alla situazione epidemiologica esistente, da rivalutare in caso di aumento della circolazione virale o di altra rilevante modifica incidente sulla stessa emergenza epidemiologica, si ritiene opportuno sospendere – provvisoriamente - il programma di 'sorveglianza con testing' (CLICCA QUI PER SAPERE DI CHE SI TRATTA) e di considerare la quarantena per tutti i soggetti contatto stretto di una classe/gruppo dove si è verificato anche un singolo caso tra gli studenti e/o personale scolastico".

LA CIRCOLARE DI LUNEDì SERA

... e la giravolta di martedì

Martedì, poi, è arrivato il cambio di rotta, che secondo indiscrezioni sarebbe stato voluto direttamente dal premier Mario Draghi. La struttura del commissario straordinario  Francesco Paolo Figliuolo metterà a disposizione delle Asl nuove risorse per poter fare il tracciamento e continuare a tenere aperte il più possibile le classi, gestendo i contagi.

 

Dunque viene ripristinato il sistema dei tracciamenti:  se il contagiato in classe  è soltanto uno, gli altri alunni vengono subito sottoposti a tampone molecolare o rapido, da rifare poi a distanza di 5 giorni. In quell'arco di tempo i ragazzi possono continuare a seguire le lezioni in presenza. Vale dalla seconda media in su, cioè dagli over 12 (che possono vaccinarsi)

Le regole che restano in vigore

Quindi, cosa succede? Riepiloghiamolo insieme.

In caso di un positivo (dalla seconda media in su):

  • Non appena si scopre il caso positivo, compagni di classe e docenti vaccinati saranno sottoposti a tampone, da ripetere dopo cinque giorni. In caso di negatività si può tranquillamente procedere con l'attività in classe.
  •  Gli insegnanti non vaccinati (sino all'entrata in vigore dell'obbligo) dovranno invece osservare dieci giorni di quarantena con tampone all'inizio e alla fine del periodo di isolamento.

In caso di due positivi (dalla seconda media in su):

  • Studenti e insegnanti vaccinati o  i negativizzati negli ultimi sei mesi saranno sottoposti a tampone, da ripetere dopo cinque giorni. In caso di negatività si può tranquillamente procedere con l'attività in classe.
  • Studenti e insegnanti non vaccinati dovranno fare dieci giorni di quarantena, al termine dei quali servirà un tampone negativo per rientrare a scuola.

In caso di tre positivi (dalla seconda media in su):

  • Didattica a distanza per tutta la classe e quarantena di sette giorni per i vaccinati, dieci per chi non lo è. Per rientrare servirà un tampone negativo.

Regole diverse per i minori di dodici anni (che potrebbero cambiare però con l'ok ai vaccini). Per il momento funziona così:

  •  i bambini della stessa classe del positivo dovranno comunque osservare una quarantena di dieci giorni con tampone al termine dell'isolamento.
  • Gli educatori che hanno svolto attività in presenza nella sezione del bambino positivo dovranno osservare il periodo di quarantena che varia da sette giorni (per i vaccinati) a dieci giorni (per i non vaccinati). Anche loro dovranno fare un tampone dopo l’isolamento.