Attualità
la guida

Quando devo fare il tampone? E quando è gratis? Tutto quello che vi serve sapere

E' caos un po' ovunque per i test Covid. Un utile ripasso delle regole.

Quando devo fare il tampone? E quando è gratis? Tutto quello che vi serve sapere
Attualità 04 Gennaio 2022 ore 08:24

Corsa ai tamponi, file chilometriche, attese di ore. Oramai ovunque si riscontrano criticità, tra lunghe file e liste di attesa piene per giorni. Ma come fare se ho bisogno di un tampone perché ho avuto dei sintomi? E per l'uscita dalla quarantena? Occorre innanzitutto armarsi di un po' di pazienza, ma anche seguire alcune regole che possono accorciare le attese. A fare un po' di chiarezza in merito è stata Regione Lombardia, che nei giorni scorsi ha pubblicato linee guida e tabelle esplicative che illustrano correttamente la situazione.

Quando devo fare il tampone?

L'aumento dei casi delle ultime settimane, sommandosi alle esigenze già in atto (come il Green pass per i lavoratori), sta determinando una forte pressione sulla rete di offerta dei punti tampone, nonostante l’aumento delle disponibilità sulle agende di prenotazione e dell’erogazione ad accesso libero. Si ricorda che l’offerta gratuita (ossia garantita attraverso il Servizio Sanitario Regionale) di tamponi antigenici o molecolari riguarda circostanze ben precise:

  • Insorgenza di sintomatologia suggestiva per CoViD-19
  •  Fine del periodo di isolamento per i soggetti positivi
  •  Fine del periodo di quarantena
  • Rientri dall’estero

Per evitare spiacevoli disguidi si raccomanda di ricorrere preferibilmente alla modalità di prenotazione, dove prevista, e comunque di rispettare le sedi indicate per l'effettuazione dei tamponi  oltre a portare con sé la documentazione che costituisce titolo per ottenere la prestazione gratuitamente.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA TABELLA CON TUTTE LE INDICAZIONI

Cosa fare se si entra in contatto con un positivo

LEGGI ANCHE: Le nuove regole per quarantene e mascherine

Ricordiamo inoltre cosa fare se si entra in contatto con un positivo, ipotesi oramai piuttosto facile. Innanzitutto, bisogna capire se si rientra tra i “contatti stretti” o i “contatti a basso rischio”.

Ma chi è un contatto stretto? Anche qui ci sono varie casistiche. Viene considerato contatto stretto:

• chi vive nella stessa casa di un positivo
• chi ha avuto un contatto fisico diretto (basta una stretta di mano) con un positivo
• chi ha avuto un contatto diretto e non protetto con le secrezioni di un positivo
• chi ha avuto un contatto diretto  a una distanza minore di 2 metri e per almeno 15 minuti con un positivo
•  chi si è trovato in un ambiente chiuso, senza mascherina, in compagnia di qualcuno che è stato poi identificato come positivo al Covid;
• un operatore sanitario o un soggetto che fornisce assistenza diretta a un caso di Covid-19, ma anche il personale di laboratorio che manipola i campioni di un caso di Covid   senza usare le mascherine e i dispositivi di protezione
• chi ha fatto un viaggio su un qualsiasi altro mezzo di trasporto a due posti di distanza da un positivo
• il personale   addetto al controllo della sezione del mezzo dove viaggiava il positivo

Dopo il contatto stretto, tre tipi di quarantena

Dopo il contatto stretto, le casistiche cambiano a seconda se siete vaccinati o meno e da quando.

PRIMA CATEGORIA. La quarantena non sarà più obbligatoria per i vaccinati con terza dose booster, ma anche per chi ha fatto la seconda dose da meno di quattro mesi.

"Ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso e di effettuare - solo qualora sintomatici - un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso".

Ma ovviamente, in caso di sintomi, scatterebbero comunque immediatamente sia quarantena preventiva che tampone di verifica.

SECONDA CATEGORIA. Chi ha eseguito l'ultima vaccinazione da più di quattro mesi invece la quarantena dovrà farla, ma non di 7 giorni com'era finora, bensì di "soli" 5 giorni. E al termine: obbligatorio un tampone negativo.

TERZA CATEGORIA. Infine chi non è vaccinato dovrà restare in quarantena per 10 giorni.

I contatti a basso rischio

Ci sono poi coloro che sono considerati contatti "a basso rischio", e sono coloro che:

• hanno avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con una persona contagiata dal Covid, a una distanza inferiore a 2 metri e per meno di 15 minuti
• si sono trovati in un ambiente chiuso positiva per meno di 15 minuti
• operatori sanitari e personale di laboratorio che hanno avuto contatti con un positivo usando mascherine e Dpi
• hanno viaggiato (passeggeri e personale) su un volo in cui era imbarcato anche un positivo al Covid-19 e che non rientrano nella categoria dei contatti stretti

In questi casi, non importa se siate vaccinati o meno: il protocollo non prevede quarantena o tampone.

Queste regole, ovviamente, valgono nel caso in cui non presentiate sintomi. Viceversa, servirà un tampone: se questo risultasse positivo, è previsto l’isolamento obbligatorio.

Dopo tre giorni dalla sparizione dei sintomi, ci si può sottoporre a un nuovo tampone: se negativo si è di nuovo liberi, se invece risultasse nuovamente positivo l’isolamento continuerà e verrà fissato un nuovo test a circa 48 ore di distanza.