Attualità
"BUONO"...A SAPERSI

Potete richiedere il Bonus trasporti ancora fino al 31 dicembre (da usare a gennaio)

Un vademecum per districarsi nelle opportunità e nelle scadenze delle agevolazione che interessano milioni di pendolari.

Potete richiedere il Bonus trasporti ancora fino al 31 dicembre (da usare a gennaio)
Attualità 10 Dicembre 2022 ore 10:48

Si avvicina la fine dell'anno e l'attenzione degli italiani non è rivolta solo a regali e menù di Natale e Capodanno, ma anche e forse soprattutto a far quadrare i conti e a non alleggerire troppo tasche e portafoglio.

Ecco allora che uno dei temi più gettonati è sicuramente quello dei bonus e delle agevolazioni ancora previsti dal Governo. Tra questi, quello dei trasporti è di grande interesse per milioni di italiani.

Bonus trasporti fino al 31 dicembre 2022

Il bonus trasporti, del valore massimo di 60 euro per l’acquisto di abbonamenti ai mezzi pubblici o al trasporto ferroviario, è valido fino al 31 dicembre 2022.

La piattaforma ministeriale per richiederlo è attiva da settembre, quando la misura è stata varata con il decreto Aiuti, ed è a disposizione tutti i cittadini con un reddito inferiore ai 35 mila euro.

L’agevolazione può essere richiesta ogni mese, ma, senza novità del Governo, dicembre è l’ultimo a disposizione per acquistare un nuovo abbonamento o rimborsare uno già pagato.

Come funziona il bonus trasporti

Il governo Draghi aveva stanziato una somma pari a 79 milioni di euro per il 2022, per poi aumentarlo a 180 milioni, da destinare alla distribuzione di un buono utilizzabile per comprare abbonamenti sia mensili che annuali.

L'agevolazione riguarda il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, il trasporto ferroviario nazionale e che copra il 100% della spesa sostenuta dal cittadino fino a un massimo di 60 euro al mese.

Chi può richiederlo

I redditi presi in considerazione per l’assegnazione dell’agevolazione non sono solo quelli derivanti dalla pensione o dal lavoro, ma anche quelli dichiarati e imponibili ai fini fiscali (ad esempio, gli affitti per cui si paga la cedolare secca).

Ognuno deve presentare domanda per se stesso o per conto di un minorenne, se ne è il genitore o il tutore.

E’ importante, però, specificare nella domanda chi è il beneficiario perché sarà il suo reddito ad essere esaminato.

Come presentare la domanda

Per presentare la propria richiesta, basta accedere alla piattaforma tramite sito web (disponibile a questo link http://www.bonustrasporti.lavoro.gov.it/) e registrarsi.

La domanda deve contenere l’importo del buono che si richiede a fronte della spesa che si intende sostenere o che già si è sostenuta e il gestore del servizio di trasporto pubblico.

Nel caso in cui non si conosca l’esatto ammontare dell’abbonamento, il cittadino può fare richiesta per il valore massimo e in secondo momento verrà fatto l'esatto conteggio del bonus.

Una volta depositata la domanda, il portale emetterà il buono contrassegnato da un codice identificativo univoco, dal codice fiscale del beneficiario, dall’importo e dalla data di emissione e di scadenza dell’utilizzo che è nel dell’emissione.

Cosa accade dopo

Se non viene utilizzato, il bonus viene annullato e il cittadino non potrà fare più richiesta in quello stesso mese.

Il valore messo, invece, rientrerà nel fondo riservato dal governo, a disposizione per l’emissione di altri “voucher”.

Il bonus non è cedibile a terzi.

Come utilizzare il bonus

Il bonus deve essere utilizzato entro il mese di emissione, altrimenti decade.

Il gestore del servizio di trasporto pubblico avrà il compito di verificare la validità del “voucher” all’interno del medesimo portale web e attivarlo.

Il rimborso per un abbonamento già acquistato

Alcune società adibite al trasporto pubblico consentono di recuperare la cifra spesa anche in un periodo successivo.

Indicando il codice Iban durante la prassi, il rimborso verrà depositato direttamente sul proprio conto corrente.

Sconto anche a gennaio 2023: ecco come

E' bene specificare che con la somma ottenuta a dicembre è possibile acquistare l’abbonamento per il mese di gennaio 2023, a patto che l’acquisto venga fatto prima del 31 dicembre.

Ad esempio: il primo giorno del mese si è fatta richiesta del bonus di 60 euro per pagare un abbonamento mensile di Atm Milano pari a 39 euro. Rispetto alla somma totale del bonus, avanzano 21 euro che possono essere utilizzati per acquistare quello inerente al mese successivo di gennaio, se questo viene acquistato entro l’ultimo giorno di dicembre 2022.

Questo consentirà di pagarlo solo 18 euro.

Seguici sui nostri canali