Attualità
situazione in peggioramento

Covid: superata la soglia dei 100 morti al giorno, come a giugno

Preoccupa anche il dato dell'incidenza. Se contasse solo quello quasi tutta Italia sarebbe in zona arancione o rossa.

Covid: superata la soglia dei 100 morti al giorno, come a giugno
Attualità 02 Dicembre 2021 ore 11:23

La quarta ondata oramai è una realtà  e sebbene non abbiamo gli stessi numeri del resto d'Europa - dove se la passano decisamente peggio - i numeri iniziano a spaventare. Mercoledì 1 dicembre 2021 abbiamo superato quota cento morti in 24 ore (103 per la precisione), un dato che non si verificava dall'8 giugno, quando i decessi erano stati 102.

Covid: oltre 100 morti in 24 ore

Centotre decessi in 24 ore. Un numero che già di per sé fa spavento e che ci riporta indietro nel tempo di sei mesi. Quando arrivavamo da una situazione molto critica, con la terza ondata ci iniziava a calare dopo mesi complicati (febbraio, marzo, aprile e maggio avevano fatto segnare una nuova impennata di contagi e decessi), e con la campagna vaccinale che non era ancora entrata nella fase massiva.

Positivi e incidenza preoccupano

Ma non è solo il dato dei decessi  a preoccupare. La percentuale di tamponi positivi, per quanto ancora bassa (tocca il 2,6% a livello nazionale) si sta alzando, così come l'incidenza, che oramai in quasi tutte le regioni supera la soglia critica dei 50 contati ogni 100.000 abitanti, che è quella minima per il passaggio in zona gialla.

Fortunatamente, però, per il cambio di colorazione intervengono anche i fattori ospedalieri, e cioè il tasso di ospedalizzazione nei reparti e nelle terapie intensive. 

Se contasse soltanto l'incidenza sarebbero zona bianca solo Puglia e Basilicata.
In zona gialla, con un'incidenza tra 50 e 150, ci sarebbero Lombardia, Piemonte, Toscana, Umbria, Molise, Calabria e Sardegna.
Il grosso del Paese sarebbe in arancione o in rosso, con un'incidenza superiore a 150 casi (il differenziale in questo caso è solo sui reparti ospedalieri: in arancione se   le terapie intensive sono tra il 20% e il 30% e le aree mediche rilevanti tra il 30% e il 40%, in rosso se si superano queste soglie).

QUI LA SITUAZIONE DELLE SINGOLE REGIONI: 

In rosso le regioni in cui la % di positivi supera la media nazionale:

POSITIVI % POSITIVI INCIDENZA
7gg x 100mila ab
DECESSI
ITALIA 15085 (2.6%) 150.3 103
Lombardia 2503 (2.1%) 145.6 24
Emilia Romagna 1117 (3.1%) 195.2 6
Veneto 2656 (2.8%) 300.5 14
Piemonte 902 (1.8%) 126.3 4
Friuli VG 746 (3.1%) 342.9 7
Valle d'Aosta 29 (1.5%) 296.2 0
Liguria 549 (3.5%) 183.3 3
Trento 188 (2.2%) 195.5 3
Bolzano 677 (6.6%) 613.8 1
Marche 475 (6.3%) 195.3 0
Toscana 559 (1.9%) 97.5 7
Lazio 1638 (3.7%) 162.8 8
Umbria 116 (1.1%) 66.9 3
Abruzzo 243 (1.7%) 105.6 4
Molise 27 (2.9%) 54 0
Campania 1087 (3.3%) 125.1 4
Puglia 367 (1.7%) 44.9 3
Basilicata 46 (4.3%) 43.1 0
Calabria 286 (4.8%) 92 2
Sicilia 729 (2.6%) 97.5 9
Sardegna 145 (1.2%) 51.8 1
Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter