Attualità
verso il monitoraggio

Contagi e Rt: tutti i parametri in calo. In ospedale senza Green pass ci entra solo chi si ammala di Covid

Oggi, venerdì, atteso il tradizionale report dell'Iss. Intanto i dati della Fondazione Gimbe parlano di numeri in discesa da una settimana.

Contagi e Rt: tutti i parametri in calo. In ospedale senza Green pass ci entra solo chi si ammala di Covid
Attualità 17 Settembre 2021 ore 11:22

Venerdì, giorno di monitoraggi. E anche oggi, 17 settembre 2021, non  farà differenza. Nel pomeriggio è atteso il tradizionale appuntamento con il report dell'Istituto superiore di Sanità, anticipato dall'altrettanto "classica" bozza. Un dato su tutti: se da agosto per accedere negli ospedali è necessario il Green pass, la conclusione è che al momento gli unici a entrare senza lasciapassare sono quelli che si ammalano di Covid. Sono, infatti, quasi tutti non vaccinati i nuovi ricoverati registrati nelle ultime settimane.

Monitoraggio settimanale: Rt in calo a 0,85 e incidenza a 54

Prosegue la discesa dell'indice Rt medio calcolato sui casi sintomatici. Nel periodo compreso tra il 25 agosto e  il 7 settembre è stato pari a 0,85, in diminuzione rispetto alla settimana precedente, quando il valore era 0,92 (anche qui in discesa).


In calo anche l'incidenza dei casi, che sette giorni fa era di 64 ogni centomila abitanti e oggi si attesta a 54 (nel periodo compreso tra il 10 e il 16 settembre).

L'ospedalizzazione

Un'altra buona notizia viene dalla rilevazione del Ministero della Salute sull'occupazione delle terapie intensive, con un tasso di occupazione pari al 6,1% e il numero dei ricoverati che scende dai 563 del 7 settembre ai 554 del 14 sino ai 531 del 16 settembre.
La situazione più complessa è quella della Sicilia con 99 letti occupati nei reparti di urgenza su 890. Sono invece soltanto due i ricoverati in Terapia intensiva in Valle d'Aosta e 7 in Molise.

Scende di poco anche il tasso di occupazione dei reparti,  passando da 4.308 a 4.018.

 

Le regioni a rischio moderato

Sono quattro le aree a rischio moderato: Abruzzo, Molise e le Province autonome di Bolzano e Trento, mentre le altre 17 tra Regioni e Province risultano classificate a rischio basso. Rimarrà sicuramente in zona gialla la Sicilia, dove l'incidenza è pari a 109,1 casi su centomila abitanti, oltre la soglia dei 100. Ad alzare la media sono soprattutto le province di Siracusa (178) e Messina (168).
Ci vanno vicine anche la Provincia di Bolzano (90,5) e la Calabria (84,4), che attende la decisione sul colore.

Da sette giorni indicatori in calo: in ospedale solo i non vaccinati

Dai decessi per Covid ai contagi, la settimana 8-14 settembre, rispetto alla precedente, ha visto tutti i numeri in calo: scendono -14,7% i nuovi casi (33.712 rispetto a 39.511), del -6,7% i decessi (389 rispetto 417, con una media di 56 al giorno, quattro in meno rispetto alla settimana precedente), dell'-8,8% le persone in isolamento domiciliare (117.621 rispetto a 128.917), del -3,3% i ricoveri con sintomi (4.165 rispetto a 4.307) e del -1,6% le terapie intensive (554 rispetto a 563). Lo rileva il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, che sottolinea inoltre come ricoverate negli ospedali ci siano "quasi esclusivamente persone non vaccinate".

Per capirci basta guardare la foto qui sotto, dove le immaginette scure rappresentano i cittadini che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino, in rosa ci sono coloro che hanno solo un'inoculazione e in azzurro chi non è vaccinato, la cui percentuale cresce esponenzialmente quando si contano nuovi positivi, ricoverati e Terapie intensive.