Attualità
SCATTA IL BLITZ

Cinque giovani attivisti di Casapound Padova pizzicati dalla Digos per apologia del Fascismo

Tra riferimenti alla Marcia su Roma e squadrismo.

Cinque giovani attivisti di Casapound Padova pizzicati dalla Digos per apologia del Fascismo
Attualità 15 Novembre 2022 ore 14:35

Hanno fatto capolino all'alba, nelle scorse settimane, mentre la città di Padova si svegliava, numerose scritte inneggianti al fascismo lungo il muro perimetrale della facoltà di Scienze Politiche in via del Santo, e in altre vie del centro storico.

Le scritte inneggianti al fascismo

Apologia del fascismo a Padova

La Digos della Questura di Padova, dopo giorni di indagini, ha eseguito perquisizioni personali e domiciliari a carico di cinque militanti del movimento di estrema destra Casapound, della quale è stata perquisita anche la sede. Come racconta Prima Padova, le persone coinvolte risultano indagate per apologia del fascismo. Il blitz è scattato nelle prime ore della mattinata di lunedì 14 novembre 2022.

Le indagini sono state avviate dopo che, nella notte del 28 ottobre scorso, erano state effettuate, nel centro storico di Padova, numerose scritte con vernice spray di matrice neofascista. In particolare, in una di esse, “100 ANNI DI FASCISMO 1922 -2022”, si faceva chiaramente riferimento al centenario della marcia su Roma.

WhatsApp-Image-2022-11-14-at-13.13.40-1
Foto 1 di 4
WhatsApp-Image-2022-11-14-at-13.13.50
Foto 2 di 4
Padova si sveglia con scritte inneggianti al fascismo per la città: indagati 5 giovani
Foto 3 di 4
WhatsApp-Image-2022-11-14-at-13.13.58
Foto 4 di 4

5 indagati di estrema destra

Le persone perquisite, tutti giovani di età compresa tra i venti e trenta anni residenti in provincia, sono indagate per il reato di apologia di fascismo e danneggiamento aggravato. Al termine delle perquisizioni sono stati sequestrati, oltre ai capi d’abbigliamento e caschi utilizzati all’atto del danneggiamento, altri oggetti (una mazza da baseball, un passamontagna, numerosissimi fumogeni e torce illuminanti, bandiere, riviste ed altro materiale di propaganda) che vanno a comprovare l’ipotesi investigativa.

Seguici sui nostri canali