Attualità
Richiamo volontario

Aldi richiama salame Milano per possibile contaminazione da salmonella: i prodotti ritirati

In vendita sino a sabato 17 dicembre, se lo avete acquistato restituitelo

Aldi richiama salame Milano per possibile contaminazione da salmonella: i prodotti ritirati
Attualità 21 Dicembre 2022 ore 09:59

Possibile contaminazione da salmonella. E così Aldi ha richiamato a scopo precauzionale un lotto di salame Milano di puro suino a marchio Il Tagliere del Re.

Rischio salmonella: Aldi richiama salame Milano

Questa volta a intervenire non è il Ministero della Salute, come abbiamo visto in numerosi casi, dalla listeria alle larve vive, ma è direttamente la catena tedesca di discount Aldi, che dopo i riscontri di analisi effettuate in autocontrollo, ha richiamato per precauzione il prodotto.

Si tratta del salame Milano  venduto in forme intere da 350 grammi con il numero di lotto L22D259 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 17 gennaio 2023.

In vendita fino a pochi giorni fa

Il salame Milano richiamato, fa sapere Aldi, è stato in vendita in tutte le filiali della catena fino sabato 17 dicembre 2022 . La vendita del prodotto è stata tempestivamente bloccata.

In via cautelativa, la catena raccomanda di non consumare il prodotto con il numero di lotto indicato e restituirlo al punto vendita d’acquisto, dove sarà rimborsato anche senza presentare lo scontrino.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il servizio clienti Aldi al numero verde 800 370370, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17, e il sabato dalle 8  alle 14 .

Cosa è la salmonella

La salmonellosi è una  malattia infettiva che colpisce l'apparato digerente. Provocata dai batteri del genere salmonella, viene trasmessa attraverso l'ingestione di cibi o bevande contaminate o per contatto e si manifesta prevalentemente con nausea, vomito, diarrea e dolori addominali.

In Europa la principale via di contaminazione dell’uomo è rappresentata dal consumo di alimenti contaminati:

  • carne di pollo, tacchino e maiale
  • molluschi bivalvi
  • semi germogliati pronti al consumo
  • uova e ovoprodotti
  • prodotti lattiero-caseari a base di latte crudo
  • frutta e verdura crude.

Gli animali domestici quali cani, gatti, uccelli, roditori e rettili (iguane e tartarughe d’acqua) possono rappresentare, seppur raramente, una fonte di infezione per l’uomo.

I sintomi

I sintomi possono variare dai semplici disturbi del tratto gastro-intestinale (dolori addominali, nausea, vomito, diarrea, febbre) fino a forme cliniche più gravi (batteriemie e infezioni extra intestinali) soprattutto nei bambini, anziani e nei soggetti immunodepressi. I sintomi della malattia si manifestano comunemente tra le 12 e le 36 ore dall’ingestione degli alimenti contaminati e si protraggono per 4-7 giorni. Solitamente la malattia ha un decorso benigno e autolimitante.

Distribuzione della malattia

Sebbene il numero totale di infezioni sostenute dal genere Salmonella abbia subito un decremento nel corso degli ultimi anni, sia in Europa che in Italia, essa continua a rimanere l’agente di malattia trasmessa da alimenti più frequentemente isolaton Europa, nel 2010 il numero totale di casi confermati di salmonellosi è risultato pari a 99,020 (21,5 casi su 100.000 abitanti), diminuiti dell’8,8% rispetto al 2009, mentre nel nostro Paese è stato di 2,730 (4,5 casi su 100.000 abitanti). L’avviso di richiamo è stato pubblicato sul nuovo portale dedicato alle allerta alimentari del Ministero della salute nella sezione "Avvisi di sicurezza".

Seguici sui nostri canali