INCREDIBILE

Il video del nostro giornalista preso a calci e pugni fuori dal bar sequestrato a causa degli aperitivi disobbedienti

Lo "show negazionista" è andato in scena per settimane. Alla fine il Prefetto di Torino ha dovuto persino far cambiare la serratura alla caffetteria dissidente.

Top News 06 Maggio 2021 ore 13:18

Il video del nostro giornalista preso a calci e pugni fuori dal bar sequestrato a causa degli aperitivi disobbedienti

Alla fine lo hanno costretto a chiudere con la forza: al locale "dissidente" è stata cambiata persino la serratura.

Ha dell'incredibile quanto accaduto a Chivasso, in Piemonte, dove un locale per settimane ha continuato a organizzare "aperitivi disobbedienti" senza mascherine e distanziamento, in barba alle restrizioni anti Covid e malgrado le innumerevoli multe.

Oggi, giovedì 6 maggio 2021, "La Torteria" di via Orti alla fine è stata posta sotto sequestro. Ma mentre i colleghi del nostro quotidiano online Prima Chivasso documentavano la scena, fuori dalla caffetteria un uomo si è scagliato contro un collega con calci e pugni, aggiungendo poi anche una minaccia:

“Ti verrò poi a prendere in ufficio”.

ECCO IL VIDEO:

Giornalista preso a calci e pugni fuori dal bar sequestrato

Un'azione inqualificabile. Al coraggioso giornalista colpito va tutta la solidarietà dell'intero circuito editoriale Netweek.

Insomma, la polveriera è esplosa. Un escalation di tensione montata sin da metà gennaio, quando il locale aveva aderito all'iniziativa nazionale di protesta "Io Apro" ed era stato multato per la prima volta per via di 18 persone al bancone o ai tavolini dopo l’orario di chiusura imposto dalla normativa per il contenimento del Covid.

La Prefettura di Torino aveva poi disposto la chiusura. Stesso copione fino a fine aprile, con un ennesimo "show negazionista" con più di cento persone ritrovatesi per un aperitivo nel locale: erano seguite anche minacce di morte al sindaco della città a pochi chilometri da Torino.

Nonostante tutto, la titolare del locale, Rosanna Spatari aveva ribadito di non voler rispettare il provvedimento del Prefetto e di voler continuare a tenere aperto il bar il sabato pomeriggio per il consueto "aperitivo disobbediente".

Tra blitz delle Forze dell'ordine e decine di persone multate, alla fine, oggi, il sequestro. E la violenza.

LEGGI: Sequestrata La Torteria, i VIDEO dell’operazione

LEGGI: La Torteria, la protesta non si ferma: aperitivo dissidente e balli in piazza