Sport
Domenica sarà un giorno storico

Maria Sole Ferrieri Caputi arbitrerà Sassuolo-Salernitana: è il primo arbitro donna in Serie A

Nata a Livorno, la 32enne ha all'attivo 15 anni di arbitraggi, dalle categorie giovanili alla massima serie.

Maria Sole Ferrieri Caputi arbitrerà Sassuolo-Salernitana: è il primo arbitro donna in Serie A
Sport 28 Settembre 2022 ore 17:06

Il grande giorno è arrivato. Domenica la partita Sassuolo-Salernitana segnerà un passaggio storico. Non tanto per la posta in palio o per qualcosa legato ai calciatori. Gli occhi saranno tutti puntati su di lei, Maria Sole Ferrieri Caputi, 32 anni, che sarà la prima donna ad arbitrare una partita di Serie A.

Maria Sole Ferrieri Caputi, prima donna ad arbitrare in Serie A

Promossa quest'anno nel Can (Comitato arbitri nazionale), il suo debutto alla direzione di una gara ufficiale nella massima serie del campionato di calcio era atteso prima della sosta per i Mondiali, e così sarà. Con grande soddisfazione non soltanto sua, ma anche di Alfredo Trentalange, presidente dell'Aia, l'Associazione arbitri.

 "Non è una giornata banale e sono anche emozionato. Maria Sole debutterà in Serie A per meriti, senza scorciatoie, per capacità, skills, è in virtù di un progetto che è partito come Aia. Fra l’altro Maria Sole ha un appuntamento mondiale con il femminile U17 in India. Ci apprestiamo a vivere un momento storico dopo più di 110 anni: ringraziamo chi ha creduto in lei quindi anche la Fifa e chi prima di lei, penso a Rosetti e alla Uefa. Non diamo privilegi, Maria Sole si è guadagnata questo percorso, ed è un successo di tutto il movimento”.

Chi è Maria Sole Ferrieri Caputi

Nata a Livorno da genitori di origine pugliese, Maria Sole Ferrieri Caputi ha una laurea triennale in Scienze politiche e Relazioni Internazionali conseguita all'Università di Pisa e una laurea magistrale in Sociologia all'Università di Firenze. Attualmente è ricercatrice alla Fondazione Adapt (Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del lavoro e sulle Relazioni Industriali) e contemporaneamente dottoranda all’Università di Bergamo. ]

Affiliata alla sezione di Livorno, entra a far parte dell'Aia nel 2007. Dopo l'iniziale percorso nelle categorie provinciali e regionali,   esordisce in Serie D il 14 novembre 2015 nel match tra Levico e Atletico San Paolo. Nel maggio 2019 arbitra una partita della Poule Scudetto di quarta serie tra Bari e AZ Picerno mentre pochi mesi prima aveva esordito nel Torneo di Viareggio.

Divenuta internazionale nell'estate 2019, esordisce in campo europeo il 30 agosto di quell'anno, dirigendo l'incontro tra Scozia e Cipro valevole per le Qualificazioni al campionato europeo di calcio femminile 2022 e due mesi dopo per la stessa competizione la partita Macedonia del Nord-Serbia.

L'1 settembre 2020 viene promossa in Serie C  ed esordisce l'8 novembre seguente, dirigendo l'incontro tra Pro Patria e Pro Sesto.

Il 17 ottobre 2021 viene designata per il match tra Cittadella e Spal, diventando il quarto arbitro di sesso femminile a dirigere un incontro della serie cadetta. Il 15 dicembre successivo dirige Cagliari-Cittadella, valevole per i sedicesimi di Coppa Italia, divenendo il primo arbitro donna della storia del calcio italiano a dirigere una partita ufficiale di una società di Serie A.

L'1 luglio 2022 l'Aia  ne comunica ufficialmente la promozione alla Can, rendendola la prima donna di sempre ad approdare nel massimo organico nazionale. Ora, quest'ultimo traguardo, con la prima direzione ufficiale. Che dire, congratulazioni e in bocca al lupo!

Seguici sui nostri canali