Dove studiare

Le migliori università d'Italia e del mondo: la classifica

Il Politecnico di Milano è il top, e si avvicina alle prime cento posizioni. Bene anche Sapienza e Bologna

Le migliori università d'Italia e del mondo: la classifica
Pubblicato:

Scegliere dove affrontare gli studi universitari è un passaggio importantissimo per la vita di ciascuno. E nel nostro Paese ci sono tantissime opportunità di qualità.  Per quanto possa essere difficile competere con sistemi che investono decisamente di più rispetto all'Italia sulla formazione e l'Università (Stati Uniti e Gran Bretagna, giusto per citarne due), alcuni nostri atenei migliorano sensibilmente la propria posizione nella classifica QS delle migliori università al mondo. La migliore nel Bel Paese? Il Politecnico di Milano, 111esimo su 1.503.

Migliori università del mondo: la classifica

In testa alla classifica oramai da 13 edizioni c'è il Mit, e sostanzialmente nella top ten ci sono pochi cambiamenti rispetto al 2023. L'unica sorpresa è rappresentata dal balzo in avanti dell'Imperial College di Londra, che passa dal sesto al secondo posto, scalzando Cambridge, che scivola al quinto.

Il Massachusetts Institute of Technology (MIT)

Di seguito la classifica delle prima dieci posizioni (tra parentesi la posizione nel 2023). La graduatoria completa la trovate qui.

  1. Massachusetts Institute of Technology (MIT), Stati Uniti (1 nel 2023)
  2. Imperial College London, Regno Unito (6)
  3. University of Oxford, Regno Unito (3)
  4. Harvard University, Stati Uniti (4)
  5. University of Cambridge, Regno Unito (2)
  6. Stanford University, Stati Uniti (5)
  7.  ETH Zurich, Svizzera (7)
  8. National University of Singapore (NUS), Singapore (8)
  9. UCL, Regno Unito (9)
  10. California Institute of Technology (Caltech), Stati Uniti (15)

Le migliori università italiane

Il Politecnico, dunque, scala posizioni e si avvicina alle prime cento, un obiettivo che soltanto qualche anno fa sembrava irraggiungibile e che invece ora è vicinissimo. Bene anche la Sapienza di Roma e l'Alma Mater di Bologna, rispettivamente 132esima e 133esima.

Il Politecnico di Milano

La classifica delle italiane (tra parentesi la posizione nella classifica totale):

  1. Politecnico di Milano (111)
  2. La Sapienza Roma (132)
  3. Alma Mater Bologna (133)
  4. Università di Padova (236)
  5. Politecnico di Torino (241)
  6. Università degli Studi di Milano (285)
  7. Università Federico II Napoli (347)
  8. Università di Torino (371)
  9. Università di Firenze (375)
  10. Università di Pisa (382)
  11. Università Vita e Salute San Raffaele Milano (389)
  12. Tor Vergata Roma (393)
  13. Università degli Studi di Pavia (440)
  14. Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (442)
  15. Università di Trento (506)
  16. Bicocca Milano (513)
  17. Università di Genova (547)
  18. Politecnico di Bari (580)
  19. Ca' Foscari Venezia (601-610)
  20. Università di Bolzano (661-670)
  21. Università di Brescia (691-700)
  22. Università di Siena (691-700)
  23. Università di Modena e Reggio Emilia (721-730)
  24. Università di Trieste (721-730)
  25. Università Politecnica delle Marche (751-760)
  26. Università di Messina (751-760)
  27. Università di Verona (771-780)
  28. Università di Bari (801-850)
  29. Università di Salerno (801-850)
  30. Università degli Studi di Perugia (801-850)
  31. Università degli Studi di Ferrara (851-900)
  32. Università di Palermo (851-900)
  33. Università di Catania (901-950)
  34. Università della Calabria (901-950)
  35. Università degli Studi della Tuscia (901-950)
  36. Università degli Studi Roma Tre (901-950)
  37. Università di Parma (951-1000)
  38. Università D'Annunzio Chieti (1001-1200)
  39. Università Partenope di Napoli (1001-1200)
  40. Università degli Studi di Udine (1001-1200)
  41. Università del Salento (1001-1200)
  42. Università degli Studi di Bergamo (1201-1400)

Le eccellenze italiane

Non deve sorprendere il balzo in avanti del Politecnico. Pochi mesi fa sempre QS aveva pubblicato la classifica dei migliori corsi di laurea e tra le prime dieci al mondo per Architettura e Design compariva proprio la facoltà meneghina.

Tra i livelli d'eccellenza, da segnalare la reputazione accademica dell'Alma Mater (69esima al mondo e prima in Italia), seguita da Sapienza (70esima) e Politenico (90esimo). Il "Poli" è 82esimo al mondo per la fama tra i datori di lavoro.

Le criticità

Ma non si possono ovviamente nascondere le criticità. Tra queste il rapporto studenti-docenti, pari a 20 a uno (per fare un paragone, in Gran Bretagna e 15, in Germania 12), mentre il tallone d'Achille rimane sempre la scarsa internazionalizzazione. Tra i motivi della poca attrattività per gli studenti e per i docenti stranieri la scarsità di corsi in lingua inglese e il costo delle rette, tra i più alti in Europa per i primi, gli stipendi bassi e la scarsità di fondi per la ricerca per i secondi.

Insomma, c'è ancora da lavorarci sopra...

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali