Valli di Lanzo, la meta perfetta per un turismo slow

Valle di Viù, Val d’Ala e Val Grande offrono piccoli centri costellati di opportunità da cogliere. Fra sci, sci alpinismo, sci di fondo e ciaspolate

Valli di Lanzo, la meta perfetta per un turismo slow
Turismo 20 Dicembre 2021 ore 13:12

Un ambiente suggestivo e affascinante, tutto da scoprire: le Valli di Lanzo sono tre, ossia Valle di Viù, Val d’Ala e Val Grande. Accanto a queste troviamo anche la Val Ceronda, la Val Casternone, la Valle del Tesso e la Valle del Malone. Questo straordinario anfiteatro è il luogo ideale dove concedersi un break dalla quotidianità, lontano dalle mete invernali più battute. Le Valli di Lanzo rappresentano una meta da non sottovalutare: con l’arrivo della neve il paesaggio si tinge di bianco e sprofonda nel silenzio. I suoi piccoli comprensori sono immersi con discrezione nell’ambiente che li circonda e l’impatto del visitatore sulla natura circostante è ridotto ai minimi termini. Qui è ancora possibile vivere la vacanza con ritmi slow e a proprio piacimento, lontano dalla veloce frenesia che ci accompagna tutti i giorni. 

Per sciatori, fondisti e ciaspolari

A disposizione del turista ci sono piste di sci alpino disegnate per famiglie e per scuole, per grandi e piccoli, per appassionati di sci o di snowboard. A Usseglio (Pian Benot), ad Ala di Stura e a Balme ed a Viù-colle del Lys si trovano infatti delle piccole stazioni sciistiche. Non mancano baby snowpark indicati per i bambini, contenenti attrazioni sportive e ludiche. Spazio poi alle piste di pattinaggio, e alle piste di fondo con i loro anelli da percorrere: chi ama immergersi nei grandi silenzi non resterà deluso. Addentrandosi nei boschi si proveranno emozioni uniche, da vivere anche con le racchette da neve (come per esempio la gita al Pilone San Pancrazio, con vista mozzafiato su Balme). Fondisti e “ciaspolari” potranno così raggiungere gli altipiani al cospetto delle vette principali della Valli di Lanzo, serviti da rifugi aperti per offrire ristoro. Di certo meritano una menzione le piste di Usseglio, quelle di Balme e quella del Colle del Lys - Pista Lunella

2 foto Sfoglia la gallery

Proposte per alpinisti e scialpinisti

Per il popolo degli alpinisti, amanti del ghiaccio, ogni anno le vallate alpine, ricche di cascate d’acqua, grazie al freddo di stagione diventano un inesauribile terreno d’azione creando giardini di cristallo dalle linee effimere. Qui, specialmente dopo il Pian della Mussa, è possibile salire su alcune delle cascate tra le più impegnative del Piemonte. E infine ecco gli scialpinisti: su nevi più fredde e polverose, tipiche dell’inverno possono impegnarsi in gite giornaliere alla scoperta di singole cime. Qualche spunto? Il Canale delle Capre, il Canale d’Arnas e Groscavallo offrono interessanti proposte. In primavera, su neve trasformata, più morbida, toccherà invece ai percorsi intorno al massiccio della Bessanese e Ciamarella, che nulla hanno da invidiare alle più conosciute e classiche “haute routes”. 

Fra sport e gusto, una “Montagna per tutti”

Da una parte c’è “Montagna per tutti”, dall’altra “Montagna per tutti... i gusti”: si tratta di due importanti appuntamenti che riguardano le Valli di Lanzo. Nel primo “contenitore” Montagna per tutti troviamo una raffica di eventi con le ciaspole, ma anche escursioni con i cani da slitta, pupazzi di neve giganti, discese in notturna con le fiaccole, percorsi avventura sulla neve e camminate con degustazioni. C’è un vero e proprio calendario completo (in continuo aggiornamento), che prenderà il via domenica 2 gennaio a Cantoira e si concluderà sabato 30 aprile 2022 a Caprie

E poi è anche per… tutti i gusti!

Montagna per tutti... i gusti è invece la rassegna gastronomica delle Valli di Lanzo: in programma, anche qui fino ad aprile 2022, ci sono tanti appuntamenti dedicati al local food, in una sorta di gemellaggio che abbraccia i territori vicini. Nei menù offerti da ristoranti e rifugi, i prodotti del posto incontrano quelli del Canavese, delle Alpi Biellesi, del Monterosa Valsesia e della Valle Maira. Un mix di ingredienti e tradizioni, frutto del progetto “Montagna Sostenibile, insieme per il Turismo Outdoor ed Enogastronomico” messo in atto per promuovere in sinergia, anche attraverso la cucina, i propri territori. 

Ulteriori informazioni su www.turismovallidilanzo.it