All'estero

Spagna, il 2023 sarà un anno ricco di eventi

Si celebrano Picasso, Mirò, Joaquín Sorolla y Bastida, Lluís Domènech i Montaner e l’architetto Ricardo Bofill

Spagna, il 2023 sarà un anno ricco di eventi
Turismo 23 Gennaio 2023 ore 15:58

Nel corso del 2023 ci sono tanti anniversari da ricordare che riguardano personaggi di rilievo del mondo dell'arte.

I cinquant'anni dalla morte di Pablo Picasso

Il 2023 è l’anno di Picasso: celebrato in tutto il mondo con oltre 50 mostre ed eventi commemorativi nel 50esimo anniversario della sua morte, l’8 aprile.

La Spagna omaggia le opere e l’eredità artistica del grande pittore andaluso con mostre, manifestazioni, itinerari tematici, iniziative culturali e visite guidate. Il programma “Picasso Celebración 1973.2023” prevede per tutto quest’anno appena iniziato e parte del prossimo un ricco calendario di esposizioni in tutto il Paese, in particolare nelle 5 città spagnole più vicine alla vita e alle opere dell’artista: Malaga, Madrid, Barcellona, A Coruña e Bilbao.

Per conoscere nel dettaglio l’agenda – sempre aggiornata - dell’anno dedicato a Picasso: celebracionpicasso.es

Cent’anni dalla morte di Joaquín Sorolla, il pittore della luce

Nel 2023 si celebra il centenario della morte di Joaquín Sorolla y Bastida, il pittore che in modo magistrale plasmò la luce del Mediterraneo, dipingendo giardini, paesaggi rurali e spiagge inondate di sole.

Per omaggiare lo straordinario interprete della pittura en plein air si visita la sua città di nascita, Valencia, che ci invita a scoprire i luoghi più emblematici del pittore, della sua vita privata e artistica.

Palazzo Reale di Madrid ospita da febbraio a giugno l’esposizione immersiva “Sorolla a través de la luz”, dedicata al centenario del pittore, con creazioni digitali ed esperienze sensoriali attraverso la luce, il colore e il movimento, e tele provenienti da collezioni private, raramente esposte.

Informazioni: visitvalencia.com e esmadrid.com

Celebrazioni per Lluís Domènech i Montaner, l’architetto modernista

Cento anni fa moriva a Barcellona il geniale architetto Lluís Domènech i Montaner y Puig i Cadafalch, esponente del Modernismo catalano, ma anche politico, storico e illustratore di grande successo.

,

Per celebrare e diffondere la figura e l’opera di uno dei grandi artisti catalani, il Centro studi e la Fondazione Lluís Domènech i Montaner assieme ai comuni di Barcellona, Reus e Canet de Mar, in collaborazione con la Generalidad de Cataluña, hanno organizzato eventi, visite guidate, mostre, dibattiti, concerti e appuntamenti durante tutto l’anno. Conosciuto soprattutto per aver creato edifici come il Palau de la Música Catalana, la Casa Lleó i Morera e l’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau di Barcellona, ha realizzato opere disseminate in tutta la regione, da Canet de Mar a Reus. Tra le iniziative più interessanti, la “Ruta del Modernismo de Barcelona”, itinerario urbano tra i luoghi simbolo di Domènech i Montaner che con altri architetti ha trasformato Barcellona nella capitale mondiale del Modernismo. Una passeggiata tra le sue opere è il modo migliore per celebrarlo.

Informazioni: rutadelmodernisme.com

40esimo anniversario della scomparsa di Joan Miró

Visite guidate, laboratori e mostre per celebrare i 40 anni della morte di Joan Miró i Ferrà: il celebre pittore catalano, uno degli artisti più importanti di tutto il Novecento, scomparso a Palma di Mallorca nel 1983.

Molti sono gli appuntamenti nella casa-museo dell’artista ma tra le esposizioni più attese c’è “Miró-Picasso”, in programma a Barcellona dal 19 ottobre a febbraio 2024, organizzata dalla Fondazione Joan Miró con il Museo Picasso. Sarà una mostra unica con contributi dai musei di tutto il mondo e il filo conduttore sarà l’amicizia tra i due artisti, un lungo rapporto che si riflette in una serie di documenti e incontri nella capitale catalana. E’ un progetto senza precedenti con tante opere originali di entrambi gli artisti. E’ anche l’occasione per ricordare l’ultima opera dell’artista, un disegno astratto con un sole giallo, rosso e nero, una stella e le lettere della Spagna, che nel 1983 regalò a Turespaña su richiesta di Ignacio Vasallo, all’epoca direttore dell’Ente di promozione turistica spagnola.

Informazioni: miromallorca.com e fmirobcn.org

Calp celebra l’anno Bofill

Calp, a nord di Alicante, celebra l’architetto e urbanista Ricardo Bofill a 50 anni dalla costruzione dell’edificio “Muralla Roja”, simbolo della cittadina sulla Costa Blanca, che ricrea il labirinto di una casbah, architettura popolare del mondo arabo nordafricano. L’anno di Bofill prevede eventi, mostre e tante iniziative dedicate all’architetto, recentemente scomparso, che ha realizzato interessanti complessi architettonici, da La Manzanera a Xanadú, dall’Anfiteatro a Plexus.
Informazioni: Calpe

 

 

 

Seguici sui nostri canali