Trentino

Rovereto, città della pace: in viaggio tra arte, storia e scienza

Da sempre crocevia di culture, anello di congiunzione tra pianura e montagna, tradizione italiana e tedesca.

Rovereto, città della pace: in viaggio tra arte, storia e scienza
Turismo 13 Gennaio 2022 ore 11:39

Fra Trento e Verona, Rovereto è da sempre crocevia di culture, anello di congiunzione tra pianura e montagna, cultura italiana e tedesca. La città racconta epoche diverse, dal giurassico dei dinosauri alla dominazione veneziana del XV secolo, dall’epoca della fiorente industria della seta, fino alle vicende della Grande Guerra. La pace universale è evocata dai cento rintocchi di Maria Dolens, la grande campana realizzata con il bronzo fuso donato dalle nazioni che hanno partecipato alla Prima guerra mondiale.

Visite guidate a Rovereto e attività per famiglie nei luoghi della cultura

 

Il sabato mattina l’Azienda per il Turismo Rovereto Vallagarina e Monte Baldo propone itinerari tematici alla scoperta di Rovereto, in compagnia di guide esperte e appassionate.
Inoltre, tutto l’anno, nei fine settimana, i luoghi di cultura della Vallagarina accolgono le famiglie con un ricco calendario di proposte per bambini e ragazzi da 1 a 15 anni. Al Mart e a Casa Depero si sperimentano i linguaggi dell’arte, al Museo Civico si viaggia nel mondo della robotica, sulle orme dei dinosauri e si osservano le stelle. Al Museo della Guerra si esplorano cunicoli e torrioni e ci si addentra nella vita dei soldati, in biblioteca si ascoltano bellissime storie e se ne inventano altre. Al Castello di Avio e a Castel Beseno si viaggia nel tempo, tra affreschi con racconti di dame e cavalieri, accampamenti medievali, contadini, armi e costumi dell’epoca. Nel Parco del Monte Baldo si scoprono i segreti della sostenibilità ambientale e con Hydrotour Dolomiti si impara come l’acqua diventa energia.

Da Depero a Canova, le grandi mostre al Mart di Rovereto

 

Disegnato dall’archistar Mario Botta, con i suoi 5mila metri quadri espositivi, il Mart di Rovereto è un vero e proprio viaggio attraverso gli ultimi 150 anni della storia dell’arte, con particolare attenzione alle vicende italiane.
Quest’inverno sono almeno due le mostre da mettere in agenda: “Depero new Depero” (a cura di Nicoletta Boschiero, fino al 13 febbraio 2022) e “Canova. Tra innocenza e peccato” (da un’idea di Vittorio Sgarbi. A cura di Beatrice Avanzi e Denis Isaia fino al 18 aprile 2022).
Ai visitatori delle mostre, l’Azienda per il Turismo Rovereto Vallagarina e Monte Baldo propone menu a tema e degustazioni in cantina da abbinare al biglietto d’ingresso al museo, con possibilità di pernottare sul territorio (proposta in giornata € 47, offerta 3 giorni/2 notti da € 88. Info e prenotazioni online su visitrovereto.it).

2 foto Sfoglia la gallery

 

Un secolo di storia per il Museo della Guerra

La lunga storia del Museo Storico Italiano della Guerra inizia nel 1921 con la raccolta dei cimeli di guerra provenienti dai campi di battaglia e che oggi viene raccontata con un suggestivo percorso di visita ospitato nel Castello di Rovereto e adatto a un pubblico di tutte le età. La visita consente di fare un vero e proprio viaggio nella storia, partendo dalle colorate divise ottocentesche e da una particolarissima collezione di ceramiche patriottiche, per arrivare all’ampio patrimonio di uniformi, oggetti e documenti della Prima guerra mondiale, narrata anche attraverso diari, memorie e produzioni artistiche.

European Wildlife Photographers of the Year 2021 al Museo di Scienze e Archeologia

Archeologia, zoologia, botanica, astronomia, scienze della terra, robotica: queste le discipline che animano il Museo di Scienze e Archeologia, dalle sale permanenti con le preziose collezioni fino alle importanti mostre temporanee che approfondiscono temi diversi ogni anno. Da fine gennaio grandi novità con il nuovo e spettacolare allestimento al Planetario. La struttura dedicata all’astronomia, unica in regione, cambia veste e propone al suo interno una mostra che accompagna in un viaggio attraverso il Sistema Solare e fino allo Spazio più profondo, oltre a proporre lezioni a tema sotto la volta celeste proiettata in cupola.
Dal 25 febbraio si inaugura una nuova mostra con le appassionanti immagini dei migliori fotografi naturalistici europei selezionati e premiati nel concorso European Wildlife Photographers of the Year 2021.

Monte Baldo, la neve di casa tua

La ski area Polsa-San Valentino-San Giacomo è la prima stazione sciistica del Trentino per chi vi giunge da Sud. Con ampie piste panoramiche esposte al sole, è ideale per trascorrere lunghe ore sugli sci, raggiungendo velocemente gli impianti. Protagonisti delle vacanze in famiglia il Polsa Baby Park, parco giochi sulla neve, piste da bob e slittini e la pista di apprendimento Polsa Primi Passi per bambini dai 3 anni. Imperdibile per gli amanti del vintage è la Pista Momo, rinnovata mantenendo il tracciato uguale a quello degli anni ‘80 con la seggiovia che ancora va a gasolio. Sulle spettacolari piste di San Giacomo si può praticare lo sci di fondo.
Convenienti settimane bianche per famiglie, con bimbi gratis in hotel da gennaio a marzo e escursioni con le ciaspole in compagnia di una guida alpina: Trentino Ski Sunrise, domenica 9 e 23 gennaio e sabato 19 febbraio; Golosaneve, domenica 5 febbraio.
Info e prenotazioni: visitrovereto.it.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter