da sapere

Quando è ora di cambiare gli pneumatici?

Serve controllare lo spessore del battistrada, la pressione di gonfiaggio e l’assenza di tagli, abrasioni e rigonfiamenti sospetti

Quando è ora di cambiare gli pneumatici?
Non solo auto e moto 17 Febbraio 2022 ore 16:55

Quando è ora di cambiare gli pneumatici? Un automobilista su tre non sa riconoscere se gli pneumatici del proprio veicolo sono lisci. Ovvero quando il battistrada ha raggiunto il limite di usura e vi è quindi la necessità di sostituire gli pneumatici. Questo risultato emerge da una ricerca dell’associazione americana dei produttori di manufatti in gomma (USTMA, U.S. Tire Manufacturers Association), rilanciata nel nostro Paese è Federpneus (Associazione Nazionale Rivenditori Specialisti Pneumatici).

Quando è ora di cambiare gli pneumatici?

Dalla ricerca emerge anche che ben il 40% degli automobilisti valuta semplicemente «a occhio» se il proprio pneumatico è sgonfio. Ma attenzione: accorgersi a occhio nudo che una gomma è sgonfia non è facile, a meno che la perdita di pressione sia significativa. Soltanto il 17% sa come controllare la corretta pressione di gonfiaggio dei pneumatici. Si tratta di percentuali da prendere in seria considerazione. È molto importante, infatti, essere a conoscenza dello stato di salute dei pneumatici della propria auto. E sapere quando è ora di cambiarli, dal momento che guidare con pneumatici molto consumati, sgonfi oppure danneggiati compromette in primo luogo la sicurezza degli automobilisti, ma ha impatti negativi anche sulla stabilità del mezzo e sui consumi di carburante.

La loro importanza

Visti questi dati è opportuno ricordare a tutti gli automobilisti che gli pneumatici sono essenziali per la sicurezza della circolazione. Dal momento che sono l’unico punto di contatto tra il veicolo e il fondo stradale. Per essere sicuri che siano adatti a circolare bisogna controllare in primis lo spessore del battistrada. Secondo il Codice della Strada la profondità degli intagli non deve essere inferiore a 1,6 mm per gli autoveicoli, a 1 mm per i motoveicoli e a 0,50 mm per i ciclomotori. Un altro aspetto importante da monitorare con frequenza è la pressione di gonfiaggio. Deve essere conforme a quella riportata dal costruttore sul libretto d’uso del veicolo. Una pressione non corretta può provocare, oltre ad una rapida e irregolare usura del battistrada, anche un maggior consumo di carburante e un conseguente aumento delle emissioni di CO2.

Le verifiche necessarie

Si deve poi verificare che non siano presenti tagli, abrasioni, rigonfiamenti sospetti, consumi irregolari del battistrada e altre anomalie, che possono seriamente compromettere l’affidabilità del pneumatico. Per eseguire correttamente queste operazioni l’improvvisazione deve essere evitata, di conseguenza è opportuno l’intervento di un esperto, che ha a sua disposizione i sistemi di diagnosi più efficaci per effettuare questi controlli in piena sicurezza. Meccanici e gommisti sono in grado infatti di effettuare la corretta manutenzione e, in caso di necessità, di provvedere alla loro sostituzione e di consigliare il miglior prodotto nel rigoroso rispetto della carta di circolazione della vettura, dove sono riportate le indicazioni delle gomme che possono essere montate.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter