attenzione

Qual è il momento giusto per cambiare la propria auto?

Oggi esistono algoritmi in grado di aiutarci nel prendere la scelta corretta

Qual è il momento giusto per cambiare la propria auto?
Non solo auto e moto 27 Novembre 2022 ore 18:00

Qual è il momento giusto per cambiare la propria auto? Domanda da un milione di dollari che chissà quante volte ciascuno di noi si è posto nel corso della vita. Oggi rispondere è un po’ più semplice: esistono infatti degli algoritmi che promettono di venirci incontro. Alcune concessionarie sono infatti in grado, incrociando i dati in loro possesso e rielaborandoli per ottenere specifici risultati, di fornirci il consiglio giusto. In sostanza gli automobilisti possono conoscere il momento esatto in cui diventa più vantaggioso per loro cambiare l’automobile piuttosto che continuare a mantenere quella vecchia che già si possiede. Un algoritmo è quindi capace di indicare il fatidico momento “x”, quello in cui è più conveniente passare ad una nuova vettura.

Qual è il momento giusto per cambiare la propria auto?

Algoritmi a parte, si possono comunque fornire delle indicazioni di base. Per esempio vale la regola dei cinque anni dall’acquisto. Cambiando vettura entro questo lasso di tempo si tenderà ad evitare un’eccessiva svalutazione del mezzo. E non solo: con un’auto praticamente sempre nuova si avranno performance sempre di alto livello, prestazioni ottime e in parallelo si tagliano anche i costi della manutenzione. Tutti sappiamo infatti che più scorre il tempo e maggiori sono le richieste meccaniche dell’auto. Una variabile importante è poi quella del chilometraggio: solitamente una vettura mantiene la piena efficienza fino al superamento dei 150-200mila chilometri percorsi. In seguito inizia un po’ “a perdere colpi” e questo influisce sulla sicurezza e sul nostro portafogli, perché mantenerla diventa sempre più oneroso.

Sono tanti i fattori di influenza

Ad influenzare le decisioni sono anche tanti altri fattori. Uno di questi è il tipo di alimentazione, dal momento che solitamente un’auto diesel è più longeva di una a benzina. E poi ci sono i blocchi del traffico e i divieti di circolazione di determinate categorie di vetture considerate parecchio inquinanti. Parliamo di misure che possono interessare soltanto determinate regioni, province oppure addirittura comuni. In linea di massima si può affermare che tali restrizioni riguardano le motorizzazioni diesel fino a Euro 4. Non bisogna scordare che ad influire sulla volontà di cambiare vettura è anche la propria situazione di vita: un figlio che prende la patente, la nascita di un nuovo bambino in famiglia, il cambio di città, un nuovo lavoro in una location diversa dalla precedente, ecc.

Seguici sui nostri canali