finalmente

Formula 1 a Imola fino al 2025, ora è ufficiale

Il GP all’autodromo Enzo e Dino Ferrari continuerà a far parte del calendario iridato

Formula 1 a Imola fino al 2025, ora è ufficiale
Non solo auto e moto 12 Marzo 2022 ore 11:20

Formula 1 a Imola fino al 2025, ora è ufficiale! Il Gran Premio di casa all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola, farà parte del calendario iridato fino al 2025. Imola, sede del Gran Premio d’Italia nel 1980 e dal 1981 del famoso Gran Premio di San Marino, ha ospitato un totale di 27 gare fino al 2006. È tornata come sede del Gran Premio dell'Emilia-Romagna nel 2020.

Formula 1 a Imola fino al 2025

L’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari è universalmente riconosciuto come un tracciato molto tecnico, difficile da interpretare, con curve e staccate piuttosto complesse. Percorrerlo a un ritmo elevato richiede un profilo di livello professionale. Il circuito e le strutture annesse sono state oggetto di un piano di riqualificazione e di ammodernamento iniziato nel novembre 2006 e conclusosi nel settembre 2007, curato dal noto architetto tedesco Hermann Tilke, specializzato nella realizzazione di circuiti automobilistici. Nell’estate 2009 è stata realizzata la Nuova Variante Bassa, necessaria per rispondere ai requisiti omologativi richiesti dalla Federazione Motociclistica Internazionale. Tale intervento, atto a neutralizzare la lieve piega a destra caratteristica del tracciato per le auto, si colloca di fronte alla corsia dei box. Nell’agosto 2011 il circuito è stato oggetto del lavoro di riasfaltatura del manto stradale, operazione che ha riguardato il 70% del tracciato.

"Un piccolo Nurburgring"

Le origini dell’Autodromo di Imola sono così ricordate da un testimone di eccezione, Enzo Ferrari, in un suo libro del 1980. "Il mio primo contatto risale al 1948. Valutai che quell’ambiente collinoso poteva un giorno diventare un piccolo Nurburgring per le difficoltà naturali che il costruendo nastro stradale avrebbe compendiato, offrendo così un percorso veramente selettivo per uomini e macchine. Da questo mio parere i promotori di Imola si sentirono confortati. Nel maggio del 1950 si cominciò a costruire. Ero presente alla cerimonia della prima pietra, che fu posata dall’avvocato Onesti con il saluto del CONI e un contributo di 40 milioni che credo sia stato il primo gesto dell’Ente nei confronti dell’automobilismo sportivo. Un piccolo Nurburgring con pari risorse tecniche, spettacolari e una lunghezza di percorso ideale. Questa mia convinzione si è realizzata attraverso i decenni che da allora sono trascorsi".

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter