prorogato

Bonus Acqua Potabile 2022, ecco che cos’è

Prorogato fino al 2023, prevede un credito d’imposta del 50%, su un tetto di mille euro per immobile

Bonus Acqua Potabile 2022, ecco che cos’è
La mia casa dolce casa 17 Febbraio 2022 ore 16:44

Che cos’è il Bonus Acqua Potabile 2022? Per razionalizzare l’uso dell’acqua e ridurre il consumo di contenitori di plastica, è previsto un credito d'imposta del 50% delle spese sostenute. Riferite all'acquisto e all'installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare. E’ necessario che siano finalizzati al miglioramento qualitativo delle acque per il consumo umano erogate da acquedotti.

Bonus Acqua Potabile 2022

L’importo massimo delle spese su cui calcolare l’agevolazione è fissato a 1.000 euro per ciascun immobile, per le persone fisiche. E a 5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali. Le informazioni sugli interventi andranno trasmesse in via telematica all’Enea. La Legge di Bilancio 2022 ha prorogato al 2023 questa agevolazione inizialmente introdotta per il biennio 2021-2022.

Febbraio è il mese decisivo

L’ammontare delle spese agevolabili va comunicato all’Agenzia delle Entrate tra il 1° febbraio e il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di sostenimento del costo tramite il servizio web disponibile nell’area riservata del sito dell’Agenzia. Una volta acceduti all’area riservata, il servizio si trova all’interno della sezione Servizi, nella categoria Agevolazioni, alla voce Credito di imposta per il miglioramento dell’acqua potabile.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter