World Picnic Day

Picnic sostenibile con la regola delle 3 R

Ogni 18 giugno si celebra il World Picnic Day, ecco tre regole per farlo nel modo corretto

Picnic sostenibile con la regola delle 3 R
In cucina con nonna Anna 20 Giugno 2022 ore 21:28

Picnic sostenibile con la regola delle 3 R. Con l’arrivo della bella stagione torna la voglia di passare del tempo all’aria aperta e il World Picnic Day, che ricorre ogni anno il 18 giugno, può rivelarsi un’ottima occasione per trascorrere una giornata in compagnia, immersi nel verde, in totale spensieratezza. Che sia al mare, in montagna o al lago, il picnic rappresenta il momento di convivialità per eccellenza da trascorrere con gli amici o con la famiglia. Non solo relax e buona compagnia, ma anche un’occasione per rispettare la natura e l’ambiente circostante.

Picnic sostenibile con la regola delle 3 R

Proprio per questo motivo l’azienda Culligan, impegnata nel settore del trattamento dell'acqua, ricorda il rispetto di tre semplici regole per rendere un picnic responsabile ed ecologico. Ecco la prima R: Ridurre. Evitare gli sprechi rappresenta una pratica sempre più importante da adottare nella vita di tutti i giorni e lo è ancora di più in occasione di un picnic, troppo spesso sinonimo di pranzo all'aperto usa e getta. Obiettivo: evitare quanto più possibile la produzione di rifiuti. L'uso di stoviglie compostabili o biodegradabili. In commercio esistono ormai le più svariate tipologie di piatti, bicchieri, posate, ossia una soluzione pratica e green. Un altro elemento di cui ormai si può fare sicuramente a meno sono le bottiglie di plastica: l’utilizzo delle borracce non solo garantisce una maggiore freschezza dell'acqua per tutta la durata del picnic, ma riduce significativamente anche l’impatto sull’ambiente.

L’interesse al tema plastica

Fortunatamente si stanno compiendo grandi passi in avanti su questo fronte, soprattutto tra le nuove generazioni. Lo dimostra la ricerca condotta da Toluna da cui emerge che il 49% dei più giovani è molto interessato al tema plastica e quindi è più incline a compiere azioni responsabili per il pianeta. Quando si parla di rifiuti in ambito cibo, il consiglio è di prestare attenzione al carrello della spesa: meglio non riempirlo troppo in vista del picnic. Spesso, infatti, si tende ad abbondare, ma a grandi quantità di cibo corrispondono anche sprechi e rifiuti significativi per l’ambiente.

R di Riutilizzare

La seconda R sta per Riutilizzare. Per un picnic all’insegna della sostenibilità, una buona pratica è quella di impiegare materiali già presenti a casa: dai contenitori di vetro per frutta e verdura alle vecchie latte di biscotti che possono diventare perfetti alleati per riporre stoviglie e tovaglioli. L’unico limite è l’immaginazione, ogni persona può dare infatti libero sfogo alla propria fantasia e donare nuova vita a oggetti ormai in disuso. Anche le borracce, che sono utilizzate dal 57% dei giovani, possono essere impiegate non solo per conservare l’acqua, ma anche per contenere ottime centrifughe preparate in casa o dissetanti acque aromatizzate. Dai sapori più decisi a quelli più leggeri, le ricette sono potenzialmente infinite.

R di Riciclare

Infine la terza R, ovvero Riciclare. Un comportamento virtuoso limiterà al minimo la produzione dei rifiuti. Ma attenzione che il residuo, anche se irrisorio, dovrà prevedere uno smaltimento coretto utilizzando i contenitori presenti in zona. Qualora non fosse possibile, la raccolta differenziata dovrà continuare a casa. Il riciclo è un’azione che permette di recuperare materie prime preziose che altrimenti diventerebbero spazzatura.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter