curiosità

Perché a Pasqua si usano le uova?

Considerato oggetto sacro e dal forte significato evocativo

Perché a Pasqua si usano le uova?
In cucina con nonna Anna 01 Aprile 2022 ore 19:11

Perché a Pasqua si usano le uova? Si tratta di una tradizione che risale ai primi cristiani: questi le coloravano di rosso per ricordare il sangue versato da Gesù per noi. Inoltre venivano decorate con croci e altri simboli religiosi. Ma perché proprio l’uovo? Il significato è insito nella sua natura, considerato già nel mondo antico come un oggetto sacro e dal forte significato evocativo. Dall’uovo infatti nasce la vita, quando si schiude e perciò viene associato con la rinascita di Cristo e con la Pasqua. In precedenza già le popolazioni si scambiavano le uova, come augurio di felicità, prosperità e appunto rinascita.

Perché a Pasqua si usano le uova?

Secondo alcuni ci sarebbe anche un’altra spiegazione, più concreta: in Quaresima chi osservava il periodo di magro e digiuno bandiva dalla tavola le uova. Ma la produzione da parte delle galline non può certo arrestarsi: così, una volta arrivati a Pasqua, era facile trovarsi parecchie uova a disposizione, da utilizzare in qualsiasi modo, non solo mangiandole. L’usanza moderna di regalare uova di cioccolato prende il via invece nel Settecento, in Francia: fu commissionato ad un chocolatier transalpino da re Luigi XIV. La sua idea era quella di sostituire le classiche uova d’oro con quelle di cioccolato: il risultato è quello che oggi tutti conosciamo e apprezziamo. Per renderlo proprio come le gustiamo ora è servito però l’ingegno di un imprenditore svizzero, che nel 1819 inventò nel suo stabilimento uno speciale macchinario per la lavorazione del cacao.

E poi c’è la sorpresa

Infine l’introduzione della sorpresa: l’idea si deve ad un orafo e gioielliere russo, incaricato nel 1887 dallo zar Alessandro III di realizzare un uovo sfarzoso da regalare alla zarina Marija Fedorovna. A fine Ottocento un inglese iniziò invece la produzione in serie di uova con sorpresa, dando il là a questa pratica.

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter