tendenze

Estate 2022, i turisti cercano vacanze lunghe

Come ci si sta organizzando per i soggiorni al mare? Durano in media 5,6 notti

Estate 2022, i turisti cercano vacanze lunghe
Il mio stile di vita 20 Giugno 2022 ore 18:28

Estate 2022, i turisti cercano vacanze lunghe. Come ci si sta organizzando per i soggiorni al mare? Secondo i dati provenienti dai Booking Engine degli esercizi ricettivi, i turisti stanno cercando pernottamenti sulle coste con una permanenza media tendenzialmente lunga. Considerando tutte le mete balneari italiane, la vacanza al mare dura mediamente 5,6 notti. È un valore sicuramente aggregato, ma già denota una tendenza più verso la vacanza settimanale che per gli short break.

Estate 2022, la tendenza

Secondo LybraTech i turisti stanno cercando vacanze lunghe soprattutto sulle coste calabresi: ai primi posti della classifica nazionale, infatti, ci sono la Costa degli Aranci con una media di 7,7 notti, la Costa dei Cedri, con 7,5 notti e, a distanza, la Costa dei Saraceni con 7,0 notti. Anche per l’Abruzzo c’è una prevalenza per le vacanze lunghe: per la Costa Giardino, a nord, i turisti cercano vacanze mediamente di 7,0 notti; mentre per la Costa dei Trabocchi la media è di 6,6 notti. La domanda per le vacanze settimanali prevale anche per le mete sarde: Nurra (7,2 notti), Costa Rei (7,0 notti), Golfo di Orosei (6,7 notti), Costa Smeralda (6,6 notti), Costa dei Grifoni (6,4 notti), Costa Paradiso (6,4 notti).

E i soggiorni brevi?

Nella parte alta della classifica si aggiungono anche la Costa degli Etruschi in Toscana (7,1 notti), l’Isola d’Elba (7,0 notti), il Salento (6,7 notti), la Riviera Veneta (6,6 notti), la Maremma Toscana Nord (6,5 notti) e la Riviera Apuana (6,4 notti). Per il 17% delle destinazioni balneari italiane, la domanda turistica è orientata maggiormente verso i viaggi brevi. È questo il caso di Penisola Sorrentina (4,0 notti), Golfo del Tigullio (4,0 notti), Golfo dei Poeti (3,9 notti) e Costa Orientale della Sicilia (3,9 notti); ma anche Costiera Amalfitana (3,8 notti) e Golfo di Cagliari (3,6 notti). Chiudono la classifica Capri (3,2 notti) e le Cinque Terre (3,0 notti).

Il turismo familiare

Dall’analisi condotta, emerge che la predisposizione della costa verso un turismo familiare favorisce la tendenza a soggiorni più lunghi. Considerando le prime 10 destinazioni per lunghezza media del soggiorno, il segmento famiglie rappresenta più del 45% della domanda. Per la Costa dei Saraceni, ad esempio, le ricerche di pernottamenti da parte delle famiglie rappresentano il 56% del totale; così come per Costa degli Aranci (54%), Costa Giardino (54%), Costa dei Cedri (51%) e Costa degli Etruschi (50%). Mentre dove la permanenza media è inferiore alle quattro notti, la quota di famiglie è molto più bassa: Costiera Amalfitana (14%), Capri (14%), Golfo di Cagliari (18%), Cinque Terre (19%).

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter