Politica
Il giudice fa sbarcare tutti

La Francia accoglie i migranti e attacca l'Italia: "Comportamento inaccettabile"

Piantedosi: "Non accettiamo lezioni". Irritazione dell'Ue. Il Tribunale di Catania fa sbarcare tutti.

La Francia accoglie i migranti e attacca l'Italia: "Comportamento inaccettabile"
Politica 09 Novembre 2022 ore 13:35

La politica sui migranti che la premier Giorgia Meloni intende mettere in atto sta creando frizioni con l'Ue, a cui il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi (insieme in copertina) ha risposto di "non accettare lezioni". Anche Parigi tuona contro il Viminale: "comportamento inaccettabile".

Nel frattempo un giudice ha, di fatto, obbligato l'Esecutivo a concedere la licenza di sbarcare anche ai 35 profughi che erano rimasti a bordo della nave Humanity 1, ferma da giorni davanti al porto di Catania.

Per la Presidente del Consiglio, infatti, i profili di questi ultimi non mostravano condizioni di fragilità tali da necessitare lo sbarco. Orientamento smentito dal giudice, dopo che i legali della Humanity 1 hanno presentato il ricorso al Tribunale civile di Catania con cui si è chiesto di ordinare lo sbarco immediato dei migranti rimasti ancora a bordo. Le 35 persone rimaste su Humanity 1, dopo che 144 erano state fatte scendere, avevano chiesto il riconoscimento del loro status di profughi e, inoltre, essendo naufraghi soccorsi durante un intervento in mare, le operazioni di salvataggio, come prevedono le norme internazionali, vanno concluse e portate a termine, facendoli sbarcare.

IL VIDEO DI TUTTI I MIGRANTI SBARCATI

Meloni e Piantedosi obbligati a fare marcia indietro.

I migranti sbarcano tutti: giudice obbliga Meloni e Piantedosi al retrofront

Dopo un tortuoso tira e molla i 246 migranti fermi su due diverse navi ong davanti al porto di Catania sono sbarcati: il giudice ha decretato che le condizioni di stress psicologico erano tali da far scendere tutti i passeggeri. Inizialmente, il governo aveva messo in atto uno sbarco parziale e selettivo, consentendo di scendere soltanto ai più fragili. In molti - fra opposizione e contestatori -avevano evidenziato una violazione di tutte le norme di diritto internazionale. Ma la leader di FdI ha tirato dritto, fino alla doccia fredda delle scorse ore: la decisione del togato che ha imposto che tutti venissero portati a terra.

La maggioranza è stata costretta ad autorizzare anche lo sbarco dei 35 migranti rimasti a bordo della nave Humanity 1, ferma nel molo 25 del porto di Catania. Gli ispettori dell’Usmaf hanno infatti riscontrato l’alto rischio psicologico.

Sbarco dei migranti a Catania

Copione similare anche per l'altra nave in attesa nel porto di Catania da giorni, la Geo Barents, dalla quale si erano lanciati in mare tre profughi (prontamente salvati e soccorsi), stremati dalle condizioni di "cattività". Anche in questo caso i sanitari della commissione Usmaf e Asp, di cui fanno parte tre psichiatri, due psicologi, un pedagogista e un infettivologo, avevano riscontrato un livello di "high risk" psicologico, a causa della lunga permanenza a bordo dei naufraghi. Inoltre, fra i 212 migranti, ci sono diversi casi di scabbia: il personale di Medici Senza Frontiere temeva anche per le possibilità di un elevato contagio sull'imbarcazione. Anche in questo caso sono stati fatti scendere tutti nelle scorse ore.

Al centro di accese polemiche l'espressione del ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, che ha definito "carico residuale" coloro che, secondo i piani di palazzo Chigi, non avevano diritto di toccare suolo italiano.

Ocean Vikings in Francia

Ad andarsene verso Marsiglia, invece, la Ocean Viking - battente bandiera norvegese, della ONG francese Sos Méditerranée. La decisione di Parigi di accoglierla arriva dopo un colloquio tenutosi martedì sera, 8 novembre 2022, tra la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il capo dello Stato francese, Emmanuel Macron. Secondo quanto riferito da una fonte del Ministero dell'Interno francese, l'Italia è "rimasta ferma sulle sue posizioni" e così è stato anche "in un ultimo contatto telefonico fra i ministri Matteo Piantedosi e Gérard Darmanin".

Ocean Viking

La Francia ha dunque accettato di farsi carico dei 234 migranti soccorsi dalla Ocean Viking. Il leader della Lega Matteo Salvini ha esultato per l'epilogo.

Meno entusiasmo da Parigi che classifica l'atteggiamento delle autorità italiane come "contrario al diritto del mare e allo spirito di solidarietà europea", ha dichiarato una fonte del Governo francese. "Ci aspettiamo altro da un Paese che oggi è il primo beneficiario del meccanismo di solidarietà europeo", ha aggiunto la fonte.

La replica del Viminale

Nonostante la decisione del Tribunale e l'irritazione di Francia e Ue, il titolare del Viminale ha difeso l'azione del governo:

"Non prendiamo lezioni da nessuno dal punto di vista del rispetto dei diritti umani. Se vi fermate all'esegesi dell'espressione burocratica fate pure, ma non accettiamo lezioni da nessuno".

Come ricordano i cugini d'Oltralpe l'Italia, però, beneficia di importanti supporti economici da Bruxelles.

La Francia accoglie i migranti e attacca l'Italia: "Comportamento inaccettabile"

Irritazione dell'Ue

L'Ue ha ricordato al nostro Paese il rispetto delle leggi comunitarie che prevedono di far sbarcare nel porto più vicino i migranti.

"I cittadini di Paesi terzi presenti sul territorio, incluse le acque territoriali, possono fare domanda di asilo. E, in questo caso, è richiesto agli Stati membri di dare effettivo accesso alle procedure d'asilo. Abbiamo un chiaro quadro giuridico in vigore", ha chiarito la portavoce della Commissione Europea per gli Affari Interni Anitta Hipper.

E sulla questione interviene anche il Pd che chiede a Piantedosi di riferire in Aula Senato su quanto sta accadendo. Il segretario Enrico Letta ha definito "la selezione dei disperati una aberrazione e uno schiaffo alla civiltà e allo Stato di diritto".

Meloni tiene il punto

Nonostante la condanna legale e internazionale la premier Meloni tiene il punto:

"In tema di sicurezza e contrasto all'immigrazione illegale, gli italiani si sono espressi alle urne, scegliendo il nostro programma e la nostra visione. I cittadini ci hanno chiesto di difendere i confini italiani e questo Governo non tradirà la parola data".

Seguici sui nostri canali