Informazioni utili

Guida al voto elezioni europee 2024: quando e come si vota, chi può votare e che documenti servono

Seggi aperti sabato 8 (dalle 15 alle 23) e domenica 9 giugno 2024 (dalle 7 alle 23). Si eleggono i 76 rappresentanti italiani all'Europarlamento

Pubblicato:
Aggiornato:

Ci siamo. Sabato 8 e domenica 9 giugno 2024 si vota per le elezioni europee (in Piemonte anche per le Regionali e in circa 3.700 Comuni per le Amministrative). Vediamo allora una piccola guida al voto per esprimere in modo consapevole le proprie scelte.

Elezioni europee 2024: guida al voto

Gli italiani saranno chiamati al voto per eleggere con sistema proporzionale i 76 rappresentanti del nostro Paese al Parlamento Europeo (sono in totale 720). Si vota sabato 8 giugno 2024 dalle 15 alle 23 e domenica 9 giugno 2024 dalle 7 alle 23.

Si vota secondo la propria circoscrizione di appartenenza:

  • Nord Est
  • Nord Ovest
  • Centro
  • Sud
  • Isole

Clicca qui per l'elenco dei candidati in ciascuna circoscrizione.

Il videoservizio di TV7, televisione del nostro gruppo editoriale Netweek

 

Chi può votare e che documenti servono

Potranno votare tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto il 18° anno di età alla data del voto, ossia domenica 9 giugno 2024, e i cittadini appartenenti a uno Stato dell’Unione Europea con residenza legale in Italia.

Per votare è necessario presentarsi al seggio elettorale in cui si è iscritti (il numero, l’edificio e l’indirizzo nel quale votare sono indicati nella tessera elettorale).

L’elettore si deve presentare con la tessera elettorale del Comune e con un documento di riconoscimento valido (carta d’identità, patente, passaporto o altro documento purché munito di fotografia e rilasciato da una Pubblica Amministrazione).

Elezioni europee 2024: come si vota

Si vota con un’unica scheda elettorale sulla quale saranno già riportati i simboli della lista. Clicca qui per il fac simile della scheda elettorale. 

E' possibile votare soltanto la lista o esprimere un massimo di tre preferenze. Per farlo è necessario tracciare una X sul contrassegno della lista prescelta o nel rettangolo che lo contiene. Se traccia un segno su più contrassegni di lista, il voto è nullo.

L’elettore può anche esprimere fino a un massimo di tre preferenze, esclusivamente per candidati compresi nella lista votata.

Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso. Ad esempio:

  • nel caso di due preferenze: donna-uomo o viceversa;
  • nel caso di tre preferenze: donna-donna-uomo o viceversa; donna-uomo-donna o viceversa.

Se l’elettore esprime più preferenze per candidati tutti dello stesso sesso, viene considerata valida soltanto la prima.

Nelle liste di minoranze linguistiche può essere espressa una sola preferenza.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali