Politica
Verso il voto

Elezioni 2022, perché è stata esclusa Forza Nuova

Il partito di Roberto Fiore fuori per la prima volta dal 2001: "Faremo ricorso".

Elezioni 2022, perché è stata esclusa Forza Nuova
Politica 25 Agosto 2022 ore 14:24

La Corte d'Appello ha detto no. Ad un mese esatto dal voto, Forza Nuova-Apf non è stata ammessa dalle prossime elezioni politiche di settembre. E' la prima esclusione dal 2001. Roberto Fiore, a capo della formazione, però, non ci sta e preannuncia un ricorso.

Elezioni 2022, esclusa Forza Nuova

A un mese esatto dal voto del 25 settembre 2022, le liste politiche vedranno un'esclusione inaspettata. La formazione Forza Nuova-Apf, capeggiata da Roberto Fiore, non è stata ammessa alle prossime elezioni. La decisione è stata presa dalle Corti di Appello, dal Veneto alla Lombardia, fino all'Umbria e alla Toscana. La mancata ammissione di Forza Nuova ha un motivo essenzialmente tecnico-procedurale.

Il motivo dell'esclusione

Stando a quanto affermato dalla Corte di Appello, Forza Nuova non avrebbe raccolto le 36mila firme necessarie che rappresentano i requisiti minimi di legge. Per tale ragione non sarebbe stata ammessa alle prossime elezioni politiche: è la prima esclusione dal 2001, dopo 21 anni di partecipazione al voto.

Roberto Fiore pronto a fare ricorso

Il capo di Forza Nuova, Roberto Fiore, dopo l'esclusione ufficiale, è pronto a dare battaglia a suon di ricorsi. Lui stesso si era candidato alla Camera nel collegio plurinominale Lazio 1 e uninominale Roma Centro. Era andato di persona a depositare il simbolo alla corte di Appello di Roma, senza presentare le firme ritenendo di essere esente avendo inserito nel simbolo il partito Europeo Apf, associazione dei partiti nazional-rivoluzionari e neofascisti europei.

Il suo escamotage per "aggirare" il problema, tuttavia, è stato bocciato dai giudici:

"Esattamente come prevedevamo - ha dichiarato ieri Fiore - nelle ultime ore le Corti d'Appello hanno estromesso Forza Nuova-Apf dalle imminenti elezioni dopo aver stravolto, con una legge elettorale scritta male e pensata peggio, la legge che aveva consentito ad FN di presentarsi alle ultime elezioni europee".

Durissime le sue accuse:

"Il sistema - ha dichiarato - si è mosso in modo banditesco, organizzando, per la prima volta nella storia, delle elezioni estive con tanto di raccolta firme a Ferragosto, quindi rubando il tempo minimo ad un'ipotesi di coalizione tra forze anti-sistema. Il 50% degli italiani non va a votare e fra di loro i tanti che hanno vissuto con orrore il periodo della dittatura sanitaria, che hanno preso consapevolezza dell'abisso in cui è sprofondato il sistema con l'escalation del green pass e che hanno assistito allibiti alla carcerazione di 10 connazionali, per alcuni di loro la detenzione continua tutt'oggi".

Quindi ha promesso battaglia:

"Forza Nuova presenterà i ricorsi, certa che in ultima analisi (quando tutti gli stadi della malata giustizia italiana saranno esauriti) la Corte Europea ci darà ragione".

 

Resta sempre aggiornato su tutte le ultime notizieIscriviti alla newsletter