Politica
dopo lo stop alla legge

A Milano in diecimila in piazza per il Ddl Zan

Una manifestazione organizzata in meno di 24 ore ha raccolto migliaia di persone all'Arco della Pace.

A Milano in diecimila in piazza per il Ddl Zan
Politica 29 Ottobre 2021 ore 09:16

Diecimila luci per protestare contro lo stop al Ddl Zan. Continua a fare discutere la bocciatura (anzi, la mancata discussione) della legge contro l'omotransfobia. E così Milano si è mobilitata, con una manifestazione pacifica che ha radunato migliaia di persone sotto l'Arco della Pace.

A Milano diecimila luci per il Ddl Zan

Come racconta Prima Milano, il capoluogo lombardo si è mobilitato a difesa del ddl Zan dopo la bocciatura al Senato. La manifestazione, secondo gli organizzatori ( i Sentinelli, Arcigay e Coordinamento Arcobaleno) ha radunato circa diecimila persone, che hanno risposto "presente" a un invito partito soltanto poche ore prima.

 

"Però vedi? Milano risponde sempre"

L'appuntamento era per le 19 di giovedì 28 ottobre 2021: e nel giro di poco si è radunata una folla eterogenea, composta da giovani, lavoratori, pensionati, gruppetti, coppie, amici, fidanzati, sconosciuti, studenti. Piano piano la piazza sotto l'Arco della Pace si è riempita sempre più. I manifestanti sono invitati a lasciare i gradoni, dove fino a poco prima c'era un gruppo di sportivi che faceva addominali e piegamenti sui tappetini, e a posizionarsi sotto l'Arco, per mandare un messaggio anche visivo al Paese.

6 foto Sfoglia la gallery

 

Le bandiere arcobaleno questa volta non sono molte, così come i cartelli e i manifesti che solitamente affollano questi eventi: non c'è stato il tempo di prepararli.
Alte sventolano invece le bandiere de I sentinelli di Milano, dei Verdi, dei Viola e di tutte le sigle che hanno partecipato a organizzare in tempi record questo presidio.

Canti accorati per un unico messaggio: continueremo a lottare

Dopo i discorsi di Luca Paladini, de i Sentinelli di Milano, Fabio Pellegatta, di Arci Gay Milano, e Guglielmo Giannotta, attivista del Coordinamento Arcobaleno, nell'idea degli organizzatori dell'evento tutti i presenti si sarebbero dovuti sdraiare in piazza, come simbolo dei diritti calpestati in aula con lo stop al Ddl Zan.

Un'idea che - con grande gioia di tutti, vista la folta partecipazione - ieri sera non era materialmente realizzabile, i presenti erano così tanti che non ci sarebbero mai state 10mila persone sdraiate, considerato che a stento ci stavano in piedi.
Paladini ha allora invitato tutti a sedersi, ad accendere la torcia dei cellulari e simbolicamente rialzarsi. In pochi secondo la piazza si è trasformata in una distesa di lucciole emozionate, determinate e unite.